Di certo hai dedicato molto tempo ed energia all’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) del tuo sito web . Se vuoi spostare il tuo sito in un nuovo dominio, naturalmente sarai preoccupato all’idea di vanificare tutto il lavoro che hai fatto e danneggiare il tuo posizionamento.

Per fortuna, è possibile spostare il tuo sito con il minimo impatto sulla SEO. Sebbene piccole fluttuazioni siano inevitabili nelle posizioni dei tuoi contenuti quando cambi dominio, puoi adottare degli accorgimenti per minimizzarne gli effetti.

In questo articolo, vedremo come migrare un sito in un nuovo dominio o host web può avere un impatto negativo sulla SEO. Quindi ti guideremo attraverso tutti i passaggi per evitare questo problema.

Iniziamo!

In che modo migrare il tuo sito web in un nuovo dominio può influire sulla SEO

Come probabilmente avrai imparato con l’esperienza, la SEO non si sviluppa dall’oggi al domani. Pertanto, il pensiero di cambiare host o nome di dominio può preoccuparti.

Naturalmente, l’obiettivo principale dello spostamento di un sito è solitamente quello di migliorare le prestazioni complessive e la visibilità nei motori di ricerca. Forse hai occupato tutto lo spazio del tuo attuale hosting o necessiti di un hosting in grado di gestire meglio l’aumento del traffico del sito. Forse stai effettuando un rebranding e desideri passare a un URL più appropriato.

Come già detto, spostare un sito web ad un nuovo indirizzo può avere un impatto negativo sulla SEO. Google utilizza metriche a livello di dominio per determinarne l’autorità. La migrazione a un nuovo URL ti farà perdere questi indicatori di qualità del sito.

Cambiare provider di hosting significa un nuovo indirizzo IP e nuovo server. La migrazione modifica il Domain Name System (DNS) in modo che il tuo indirizzo web punti al nuovo host. Ciò significa che i bot dei motori di ricerca dovranno ripetere la scansione del tuo sito nella posizione aggiornata.

Sono diversi gli errori di contenuto e sito web che possono avere un impatto sulla SEO anche durante la migrazione come:

Potresti paragonare la migrazione del sito web al trasferimento di casa. È necessario imballare ed etichettare correttamente gli articoli in modo che tutto sia facile da trovare e non si rompa durante il trasporto. È fondamentale anche inoltrare e aggiornare il tuo indirizzo postale con il tuo ufficio postale, cancellare e modificare le società di servizi di pubblica utilità, ecc.

Senza dubbio è un processo stressante. Tuttavia, la buona notizia è che con una preparazione adeguata puoi rendere il trasloco molto più semplice.

Come migrare il tuo sito WordPress senza influire sulla SEO (in 5 passaggi)

Con la giusta strategia, la migrazione del sito può essere un processo semplice. Tuttavia, c’è sempre il rischio che qualcosa vada storto ed è sempre meglio prevenire che curare. Pertanto, ti consigliamo di eseguire il backup del tuo sito. Una volta completato il backup, puoi iniziare con i seguenti passaggi.

Passaggio 1: installa il plugin Duplicator

Spostare il tuo sito web su un nuovo host web comporta il trasferimento dal tuo vecchio server a quello nuovo sia dei tuoi file WordPress che dell’intero database. Manualmente, per gli utenti meno esperti questa attività può richiedere tempo e rivelarsi complicata.

Puoi però rendere il processo molto più fluido usando il  plugin Duplicator.

Questo strumento ti consente di migrare tra host o domini senza tempi di inattività. Raggruppa tutto il contenuto, i file e il database del tuo sito in un file .zip . Puoi quindi utilizzare quel pacchetto per spostare i contenuti nella nuova posizione del tuo sito web.

Per iniziare, installa e attiva il plugin. Puoi farlo direttamente dalla dashboard di WordPress o scaricarlo tramite la directory dei plugin di WordPress.

Una volta attivato, verrà aggiunto un collegamento Duplicator al menu di amministrazione di WordPress. Fai clic su di esso, quindi seleziona Crea nuovo nell’angolo in alto a destra dello schermo:

Creazione di un nuovo pacchetto con il plugin Duplicator.

Scegli un nome per il tuo pacchetto. Nella sezione Archivio , puoi scegliere quali file e tabelle di database includere:

La pagina di configurazione del pacchetto sul plugin WordPress Duplicator.

Quando hai finito, fai clic sul pulsante Avanti. Duplicator effettuerà quindi una scansione del tuo sito e ti avviserà di eventuali problemi:

Lo stato di scansione del plugin Duplicator.

Se tutto è a posto, fai clic sul pulsante Build, quindi scarica il tuo pacchetto:

La pagina Pacchetto completato sul plugin WordPress Duplicator.

Puoi importare questo pacchetto nella tua nuova installazione di WordPress. Se desideri salvare il pacchetto in un servizio cloud, potresti prendere in considerazione l’ aggiornamento a Duplicator Pro . In questo modo si sbloccano anche le funzionalità di supporto premium. Per istruzioni dettagliate, puoi fare riferimento alla documentazione del plugin .

Passaggio 2: imposta i redirect 301

L’impostazione di redirect 301 è un passaggio fondamentale nella migrazione, in particolare quando si tratta di SEO. Ciò garantisce che sia i motori di ricerca che i visitatori siano in grado di trovare il tuo nuovo sito dai vecchi collegamenti.

I redirect 301 sono essenziali per mantenere l’autorità di dominio. Senza i redirect, corri il rischio di compromettere l’esperienza utente (UX) e il traffico del tuo sito potrebbe subire un forte calo a causa di errori 40.

Sono diversi i modi per implementare i redirect. Per farlo manualmente, individua e apri il file .htaccess del tuo sito originale. Quindi aggiungi il seguente snippet di codice in fondo:

#Options +FollowSymLinks
RewriteEngine on
RewriteRule^(.*)$ http://www.nuovosito.it/$1 [R=301,L]

Assicurati di sostituire http://www.nuovosito.it/ con il tuo nuovo dominio. Puoi verificare che il processo abbia funzionato andando al tuo vecchio sito e controllando che inoltri a quello nuovo.

Un’altra opzione è utilizzare il plug-in Redirection :

Questo plugin semplifica l’impostazione dei redirect 301, nonché il monitoraggio e la gestione degli errori 404. È possibile visitare la pagina del supporto per ulteriori istruzioni e indicazioni.

Passaggio 3: aggiorna tutti i tuoi link

Uno degli aspetti più importanti dello spostamento del tuo sito è la gestione dei link. compresi collegamenti interni ed esterni.

Se imposti correttamente i tuoi redirect 301, la maggior parte dei tuoi link punterà al dominio appropriato. Tuttavia, non è molto intelligente fare affidamento solo su questo metodo. Troppi redirect non solo possono sovraccaricare il tuo server, ma possono anche danneggiare il tuo pagerank.

Ove possibile, ti consigliamo di aggiornare manualmente i link interni in tutto il tuo sito. Supponiamo ad esempio che tu abbia la tua pagina Informazioni nel menu di navigazione. Invece di mantenere il collegamento al tuo vecchio contenuto e utilizzare un redirect, cambia semplicemente l’URL nella tua nuova pagina Informazioni.

È una buona idea anche utilizzare uno strumento per monitorare il tuo sito alla ricerca di link interrotti . Ciò renderà più facile individuare quelli che non sono stati trasferiti o reindirizzati correttamente.

Inoltre, è essenziale assicurarsi che i backlink da altri siti puntino al dominio appropriato. Questo può essere un pò più complicato dell’aggiornamento dei link interni, ma è fondamentale per la SEO.

Puoi iniziare aggiornando tutti i tuoi canali social media e le firme e-mail. Potresti anche chiedere a siti esterni di aggiornare eventuali backlink al tuo sito o di rifiutarli (disavow) in modo che Google non ne esegua la scansione.

Passaggio 4: notifica la modifica a Google

Come accennato in precedenza, quando traslochi ci sono alcune agenzie che devi avvisare, come l’ufficio postale e le società di servizi. Bene, lo stesso vale per la migrazione del tuo sito web.

Per ridurre al minimo l’impatto che il trasferimento ha sulla SEO del tuo sito, è importante informare Google del cambiamento. Per fortuna è un processo semplice.

Innanzitutto, accedi al tuo account Google Search Console . Fai clic su Impostazioni nella barra laterale di navigazione a sinistra, quindi fai clic sull’opzione Cambio di indirizzo :

L'opzione per modificare un indirizzo in Google Search Console.

Da lì, puoi inviare i tuoi vecchi e nuovi domini Quando hai finito, Google riceverà una notifica della migrazione del tuo sito e di conseguenza potrà tenere conto di un grande volume di redirect. Per ulteriori informazioni, fai riferimento alla documentazione di supporto di Google .

Passaggio 5: aggiungi e invia una sitemap XML a Google

La tua sitemap indica ai crawler dei motori di ricerca le relazioni tra i tuoi contenuti. Questo aiuta i bot a indicizzare le tue pagine in modo più efficace. Pertanto, per scopi SEO, è importante che Google ne abbia una aggiornata per il tuo nuovo dominio.

Per i siti WordPress, Yoast SEO è un metodo conosciuto per creare questo contenuto chiave. 

Con il plugin installato e attivato, semplicemente vai su  SEO> Generale> Caratteristiche e accertati che l’ opzione Sitemaps XML sia attivata :

L'impostazione della sitemap su Yoast  SEO

Questo genererà una nuova sitemap su tuodominio.it/sitemap_index.xml . Il passaggio successivo consiste nell’inviare questo URL a Google Search Console. Dalla tua dashboard, fai clic su Sitemap nella barra laterale di navigazione a sinistra nella sezione Indice :

La pagina su Google Search Console per inviare una nuova sitemap

Quindi inserisci l’URL della tua sitemap. Al termine, fai clic sul pulsante Invia..

Leggi anche: SEO Checklist WordPress: step essenziali per scalare posizioni su Google.

Conclusione

Che tu stia cambiando host web o investendo in un nuovo dominio, il pensiero di migrare il sito web può scoraggiarti. L’ultima cosa che vuoi è perdere le tue posizioni nelle SERP a causa della migrazione. Fortunatamente puoi evitrlo.

Come abbiamo visto in questo articolo, ci sono cinque passaggi che puoi seguire per migrare il tuo sito WordPress con il minimo impatto sulla SEO:

  1. Installa il plugin Duplicator.
  2. Imposta redirect 301 permanenti.
  3. Aggiorna tutti i tuoi link.
  4. Notifica a Google la modifica.
  5. Aggiungi e invia una sitemap XML.

Buon lavoro.