Ti sarà sicuramente capitato di navigare in un sito e trovare un errore 404, giusto? Avere a che fare una pagina introvabile è molto frustrante e non vorresti che ciò accadesse agli utenti del tuo sito.

Anche se l’impatto è quasi inesistente sul tuo posizionamento naturale, devi mantenere una buona esperienza utente e assicurarti che gli utenti di Internet mantengano la fiducia nel tuo sito.

Ecco perché è essenziale sapere come rilevare errori 404 e correggerli.

Che cos’è un errore 404?

Un errore 404 è spesso accompagnato dal messaggio “Pagina non trovata” e corrisponde a un codice di errore HTTP restituito dal server del sito web.

In questo tipo di situazione, l’utente tenta di accedere a una pagina che il server non è in grado di trovare: non può quindi visualizzare alcun contenuto.

Errore 404 di Google

A seconda del browser, un errore 404 può assumere diverse terminologie, ad esempio:

  • 404 Not Found
  • The requested URL was not found in this server
  • HTTP 404
  • HTTP 404 Not Found
  • 404 04 File or Directory Not Found

Errore 404: le cause

Sono diverse le situazioni che possono portare a un errore 404:

  • Il link a cui un utente sta tentando di accedere è stato rimosso, non esiste più
  • Il link, quando inserito direttamente dall’utente, contiene un errore di sintassi
  • Il link ha un redirect , ma non è stato configurato correttamente
  • Il problema proviene dal server, ma è molto raro

È molto importante risolvere gli errori 404, perché la qualità della navigazione sul tuo sito è un aspetto da non trascurare. Come già accennato all’inizio di questo articolo, non poter accedere a una pagina web è molto frustrante. I tuoi visitatori possono lasciare il tuo sito per andare da un concorrente per trovare il contenuto desiderato.

Per quanto riguarda la tuo SEO, probabilmente non sarà influenzata. Google riconosce che è difficile tenere d’occhio tutti i suoi collegamenti, quindi è “normale” che tutti i siti abbiano un certo numero di link interrotti che portano a errori 404.

Per contro, troppi errori possono generare una frequenza di rimbalzo elevata e quindi avere conseguenze sul comportamento dei visitatori. In quest’ultimo caso, il tuo sito potrebbe essere giudicato di qualità inferiore, compromettendo così la tua visibilità sui motori di ricerca.

Strumenti per rilevare gli errori 404

Per correggere gli errori 404, devi prima sapere dove sono.

Se disponi di un account Google Search Console , puoi iniziare con questo primo strumento gratuito. Andando su “Copertura”, vedrai tutti gli errori presenti sul tuo sito.

Per trovare gli errori 404, dai un’occhiata più da vicino alla sezione “Dettagli”.

Errori 404 su google search console

Puoi utilizzare anche Dead Link Checker , uno strumento gratuito .

Inserisci l’URL del tuo sito e vedrai comparire tutti gli errori. Le pagine che non possono essere trovate sono evidenziate in rosso con il messaggio “404 Not Found“.

Dead link checker per trovare errori 404

Infine, SEMRush che rimane uno degli strumenti più efficaci. In “Controllo del sito” puoi vedere gli errori 404 errori clic su “Broken” nel blocco “Total Score”.

Errori 404 su SEMrush

Come risolvere un errore 404

Ora che hai identificato tutti i tuoi link non funzionanti, è il momento di correggerli per eliminare quanti più errori 404 possibili.

Hai a disposizione diverse soluzioni:

  • Rimuovi il link interrotto
  • Sostituisci il link interrotto: il nuovo URL deve portare a contenuti pertinenti
  • Esegui un redirect 301 se cambi l’URL

Qualunque cosa tu faccia, è essenziale creare in parallelo una pagina di errore 404 personalizzata . Quest’ultima deve rispecchiare l’immagine del tuo brand e deve contenere almeno un link (nella migliore delle ipotesi il tuo menu principale) per riportare l’utente, ad esempio, alla home page. L’idea è di offrire una soluzione al problema e mantenere il visitatore sul tuo sito.

Pagina errore 404

Buon lavoro.