Devi scegliere tra Joomla vs Drupal vs WordPress per creare il tuo sito web?

In base ai numeri, questi sono i tre migliori CMS open source e i più popolari. Tutti e tre possono aiutarti a creare un sito web personalizzato per soddisfare le tue esigenze, ma hanno tutti diversi punti di forza e debolezza.

Anche se è possibile migrare tra questi strumenti se cambiassi idea in futuro, è un processo disordinato e imperfetto, che ti consigliamo di evitare, se possibile.

Scegliere il miglior CMS per il tuo sito web è una decisione importante, quindi ti consigliamo di passare del tempo a valutare i pro e i contro di ogni piattaforma prima di fare la tua scelta.

Ecco di cosa parla questo post: confrontando Joomla, Drupal e WordPress in diverse aree chiave, spero che tu abbia una migliore comprensione di queste tre piattaforme e qual è quella giusta per le tue esigenze.

Joomla vs Drupal vs WordPress: punti in comune

Prima di entrare nelle differenze, penso che sia utile parlare dei punti in comune su tutte e tre le piattaforme.

Innanzitutto, tutti e tre sono content management system (CMS) . Ciò significa quello che suggerisce il nome: ti aiutano a gestire i tuoi contenuti senza dover lavorare direttamente con il codice. Puoi aggiungere i tuoi contenuti sul back-end usando un semplice editor e il CMS gestirà correttamente la visualizzazione ai visitatori in base alle tue impostazioni.

In secondo luogo, tutti e tre sono strumenti self-hosted * . Ciò significa che scaricherai il software e lo installerai sul tuo web hosting.

Avrai accesso completo a tutto il codice, il che ti offrirà molta flessibilità. Ma allo stesso tempo, sarai anche responsabile del mantenimento e della protezione del tuo sito (o dell’assunzione di qualcuno che lo faccia per te).

Ciò è in contrasto con i famosi website builder ospitati come Squarespace e Wix . Con questi strumenti, il servizio gestisce tutto per te e non devi mai interagire con il codice ( né hai la possibilità di farlo! ).

Fondamentalmente, WordPress, Joomla e Drupal sono tutti molto più simili tra loro che tra Squarespace o Wix.

Terzo, tutti e tre sono gratuiti e open-source . Ciò significa che chiunque, incluso te stesso, può visitare il rispettivo sito web del progetto, scaricare il codice sorgente completo e modificarlo come desidera. Non dovrai mai pagare un centesimo per il software principale, ma potresti dover pagare per estensioni di terze parti.

* Nota: stiamo parlando del software WordPress open source su WordPress.org, che è diverso da WordPress.com (leggi il nostro post sul cms WordPress.

Joomla vs Drupal vs WordPress: cosa c’è di diverso

Ora, entriamo nella parte divertente e parliamo di come queste piattaforme sono diverse. Divideremo questo argomento in cinque sezioni:

  1. Quota di mercato e popolarità
  2. Facilità d’uso
  3. Estensibilità
  4. Costi
  5. Sicurezza

Quindi, alla fine, daremo alcuni consigli su chi dovrebbe scegliere ogni strumento. Tali raccomandazioni metteranno in evidenza alcune differenze aggiuntive che sono difficili da inserire in modo ordinato nelle categorie.

Quota di mercato e popolarità

Quando si tratta della popolarità di queste tre piattaforme, non c’è davvero concorrenza:

WordPress è il CMS più popolare con un enorme margine.

Secondo W3Techs , ecco come si classificano ad aprile 2020:

  1. WordPress – 35,9% di tutti i siti web e 63,2% di siti web con un CMS noto.
  2. Joomla – 2,4% di tutti i siti web e 4,2% di siti web con un CMS noto.
  3. Drupal – 1,6% di tutti i siti web e 2,8 di siti web con un CMS noto.

C’è anche un’altra tendenza a cui prestare attenzione :

WordPress sta crescendo nella quota di mercato, mentre sia Joomla che Drupal stanno diminuendo.

Ecco come è cambiato l’utilizzo complessivo di tutte e tre le piattaforme dal 2013 ad oggi:

20132014201520162017201820192020
WordPress17.4%21%23.3%25.6%27.3%29.2%32.7%35.9%
Joomla2.8%3.3%3.3%3.3%3.4%3.2%3.0%2.4%
Drupal2.3%1.9%2.0%2.1%2.2%2.3%1.9%1.6%

Anche tutte queste informazioni provengono da W3Techs .

In breve, WordPress è più che raddoppiato in popolarità dal 2013, mentre Joomla e Drupal sono entrambi calati rispetto al 2013.

Cosa c’è dietro l’improvviso abbandono di Joomla e Drupal dal 2019 al 2020? Anche se non ho alcuna prova di una relazione causale, questo cambiamento coincide sospettosamente con la grande crescita della quota di mercato sia in Squarespace che in Wix.

Ora, essendo WordPress popolare non significa automaticamente che sia il miglior CMS ma credo che la popolarità dovrebbe avere un ruolo nella tua decisione perché la popolarità a un certo punto diventa un ciclo di feedback positivo.

La popolarità di WordPress porta vantaggi come:

  • sviluppatori che vogliono contribuire al software principale
  • sviluppatori che creano estensioni e temi per la piattaforma WordPress
  • servizi convenienti (ad es. hosting WordPress gestito che semplifica notevolmente l’hosting di un sito)
  • risorse della community per insegnarti su WordPress (come il blog che stai leggendo in questo momento).

D’altra parte, poiché Joomla e Drupal stanno diminuendo di popolarità, potrebbe accadere il contrario per quelle piattaforme. Certamente non penso che scompariranno, ma potrebbero fluire meno risorse nella loro direzione se continuano a perdere quote di mercato a favore di WordPress e dei builder di siti web.

Nel complesso, non credo che la popolarità dovrebbe influenzare la tua decisione da sola , ma se, ad esempio, pensi che sia WordPress che Joomla possano raggiungere ciò di cui hai bisogno, scegliere WordPress potrebbe essere la decisione migliore perché è una piattaforma in crescita mentre Joomla non lo è .

Quale dei tre CMS è il più facile da usare?

In termini di facilità d’uso, classificherei questi tre CMS dal più facile da usare al meno facile da usare ( comparativamente – ciò non significa necessariamente che nessuno di essi sia eccessivamente difficile ):

  1. WordPress
  2. Joomla
  3. Drupal

WordPress

WordPress è una qualcosa che chiunque può utilizzare in modo efficace. Non è necessario essere uno sviluppatore o un utente tecnico per creare un sito web con WordPress.

Una grande parte di ciò è che la piattaforma WordPress stessa è più semplice. Questo è anche un altra causa della popolarità di WordPress. Molti host, ad esempio, offrono funzionalità che ti aiutano sia a installare che ad aggiornare WordPress.

La dashboard di WordPress è abbastanza facile da comprendere e non include un gran numero di impostazioni:

La dashboard di wordpress

A partire da WordPress 5.0, con l’editor dei contenuti è anche molto più facile creare progetti e layout complessi per gli utenti non tecnici. Gutenberg (è questo il nome del nuovo editor) utilizza un approccio basato su blocchi che semplifica l’inserimento di colonne, pulsanti e molto altro:

Joomla

Non trovo Joomla un CMS facile da usare come WordPress, ma penso che sia ancora una piattaforma che un non sviluppatore potrebbe usare per creare un sito web di bell’aspetto.

La dashboard di Joomla ha qualcosa in più in termini di impostazioni predefinite, ma è anch eabbastanza facile da navigare. Joomla ti consente di gestire le autorizzazioni di accesso degli utenti dalla dashboard per impostazione predefinita, mentre per WordPress avresti bisogno di un’estensione di terze parti:

Controlli di accesso utente Joomla

WordPress delega queste funzionalità avanzate ai plugin di terze parti, motivo per cui l’esperienza immediata è un pò più semplice.

Per aggiungere contenuti su Joomla, utilizzerai un editor di testo WYSIWYG ( che è simile al vecchio editor WordPress che alcuni CMS usano ancora ):

Editor di contenuti Joomla

Drupal

Penso che ci sia un grande calo nella facilità d’uso tra WordPress / Joomla e Drupal. Se non sei un utente tecnico e / o non hai mai creato un sito web prima, credo che avrai difficoltà a utilizzare Drupal in modo efficace.

Penso che Drupal sia il miglior CMS per agenzie e liberi professionisti che sviluppano siti per i clienti – non è un’ottima opzione per un utente che sta solo cercando di andare online con il proprio sito web.

Nella dashboard di Drupal, ad esempio, puoi impostare un layout a blocchi, che ti dà il controllo sul layout del tuo sito. Tuttavia, per gli utenti non tecnici, penso che questo tipo di interfaccia back-end possa essere un pò confuso:

Gestione dei blocchi drupal

Allo stesso modo, l’editor di contenuti, sebbene completamente funzionale, non è lo strumento più user-friendly per gli utenti occasionali in quanto è un editor molto ridotto:

Editor di contenuti Drupal

Provali tu stesso

Se vuoi provare l’esperienza del dashboard di tutte e tre le piattaforme, c’è un sito chiamato OpenSourceCMS.com che ti consente di provare tutte le piattaforme senza installare il software. Ecco i link a ciascuna dashboard:

Estensibilità

Se vuoi andare oltre le funzionalità del software principale, tutte e tre queste piattaforme offrono componenti aggiuntivi disponibili in due versioni:

  1. Componenti aggiuntivi che aggiungono nuove funzionalità.
  2. Componenti aggiuntivi che cambiano l’aspetto del tuo sito.

Ogni piattaforma usa nomi leggermente diversi:

  • WordPress utilizza plugin (funzionalità) e temi (design).
  • Joomla utilizza estensioni (funzionalità) e modelli (design).
  • Drupal utilizza moduli (funzionalità) e temi (design).

In termini numerici, WordPress è leader in entrambe le categorie, il che ha senso a causa della sua popolarità.

Per confrontare i numeri delle estensioni, userò i numeri dalla directory ufficiale di ogni piattaforma. Questo non è un confronto perfetto perché puoi anche trovare componenti aggiuntivi da fonti e mercati di terze parti, ma dovrebbe darti un’idea di come si accumulano:

Perché questo è importante ?

Fondamentalmente, significa che se usi WordPress avrai più probabilità di trovare un’estensione per le tue esigenze.

Se non sei uno sviluppatore, questo è particolarmente importante perché ti affiderai alle estensioni off-the-rack per personalizzare il tuo sito.

Costi

Poiché WordPress, Joomla e Drupal sono tutti progetti software open source gratuiti, hanno tutti gli stessi costi di base che sono:

  • Hosting: necessario per eseguire il software.
  • Un nome di dominio: è l’indirizzo permanente del tuo sito. Ad esempio creativemotions.it .

In termini di requisiti di hosting, non ci sono grandi differenze. Per i siti di piccole dimensioni, è possibile eseguire tutte e tre le piattaforme su hosting condiviso economico, che costa ~ 5-10 € al mese. Man mano che il tuo sito cresce, dovrai comunque eseguire l’upgrade.

Oltre all’hosting e al nome di dominio, potrebbe essere necessario acquistare alcune estensioni premium, a seconda delle funzionalità e del design desiderati.

Ancora una volta, troverai prezzi simili su tutte e tre le piattaforme.

Per valutare il prezzo dei temi di ciascuna piattaforma ( o modelli, nel caso di Joomla ), ho esaminato l’elenco dei temi più venduti per ciascuna piattaforma su ThemeForest :

Parte della somiglianza è perché Envato ha spinto questo prezzo per molto tempo. Tuttavia, vedrai le stesse somiglianze di prezzo valide anche per i temi non venduti su ThemeForest .

È più difficile confrontare i prezzi delle estensioni focalizzate sulla funzionalità perché ci sono enormi variazioni, anche all’interno della stessa piattaforma ma in genere vedrai prezzi simili anche per quelle estensioni.

Tutte e tre le piattaforme hanno una vasta gamma di opzioni gratuite anche per quanto riguarda le estensioni .

Infine, ci sono potenziali costi aggiuntivi se non riesci a trovare un’estensione standard e devi far fare il lavoro ad uno sviluppatore.

In generale, WordPress ha gli sviluppatori più economici delle tre piattaforme, come riassunto da questo Tweet di Ryan Sullivan del 2014:

Al contrario, gli sviluppatori di Drupal sono i più costosi , con Joomla tra WordPress e Drupal. Gli sviluppatori di Joomla sono più orientati ai prezzi di Drupal che a quelli di WordPress.

Tenendo conto della totalità dei costi, WordPress di solito finirà per essere l’opzione più economica nella maggior parte dei casi perché:

  • ha la più grande libreria di temi e plugin gratuiti
  • molti siti non richiedono alcun lavoro di sviluppo personalizzato
  • gli sviluppatori di WordPress sono più economici degli sviluppatori Drupal e Joomla (se hai bisogno di sviluppo personalizzato).

Sicurezza

Di questi tre strumenti, Drupal ha la migliore reputazione in termini di sicurezza, motivo per cui molti enti governativi e organizzazioni attente alla sicurezza scelgono Drupal ( anche se troverai sicuramente anche quelle organizzazioni che usano WordPress e Joomla ).

Ogni anno, Sucuri , un popolare servizio di sicurezza di siti web, pubblica il suo rapporto sui siti web compromessi, che descrive in dettaglio la suddivisione in CMS degli utenti di Sucuri che sono stati infettati *.

* Questo non è necessariamente un esempio rappresentativo di tutti i siti web, ma è comunque utile .

Grafico di confronto hacked CMS di sucuri

Nel 2019, gli utenti di WordPress rappresentavano il 94% dei siti web infetti nella base clienti di Sucuri, Joomla il 2,5% dei siti e Drupal solo l’1,28%.

Tuttavia, è importante notare che tutte e tre le piattaforme sono sicure se le si gestisce correttamente . Ad esempio, il sito web ufficiale di Whitehouse.gov utilizza WordPress, così come molte altre organizzazioni in cui la sicurezza è essenziale.

I problemi di sicurezza si verificano principalmente quando si utilizzano estensioni vulnerabili e / o non si aggiorna prontamente il software.

A causa della popolarità di WordPress, ha senso che rappresenti la maggior parte dei siti web compromessi, soprattutto se si considera quanto segue:

  • WordPress attira un numero maggiore di utenti non tecnici, che hanno maggiori probabilità di installare estensioni con codici errati e / o di non aggiornare il software.
  • WordPress attira anche più attenzione dagli hacker perché offre un ROI più vasto ( se trovi un exploit WordPress, hai un pool di siti molto più grande da infettare ).

Nel complesso, Drupal ha un leggero vantaggio in termini di reputazione, ma tutti e tre questi strumenti sono sicuri se li configuri bene.

Qual è il miglior CMS? Quando utilizzarli

Ora, voglio entrare in alcuni consigli specifici su quando utilizzare ciascuna piattaforma. Questo mi darà anche la possibilità di toccare alcune altre importanti differenze tra ciascun CMS.

Questa è una sezione difficile da scrivere perché ognuno ha un’opinione diversa. Uno sviluppatore WordPress ti dirà di usare sempre WordPress, uno sviluppatore Drupal ti dirà di usare sempre Drupal e così via.

Quando utilizzare WordPress

Nel complesso, penso che WordPress dovrebbe essere la scelta predefinita per chiunque cerchi di creare un sito web in autonomia.

Questo certamente non significa che tutti dovrebbero usare WordPress. Significa solo che, se vuoi usare Drupal o Joomla, dovresti essere in grado di articolare il motivo(i) specifico per cui stai scegliendo quelle piattaforme anzichè WordPress. Se non ci riesci, dovresti rimanere su WordPress.

Penso anche che WordPress sia il miglior CMS open source per la maggior parte delle situazioni. Ad esempio, dovresti usare WordPress per:

Puoi anche usare WordPress per creare siti di contenuti personalizzati, come directory immobiliari, forum, bacheche di lavoro, ecc. Tuttavia, è qui che le cose iniziano a diventare un pò più complicate e dove Drupal o Joomla potrebbero potenzialmente essere una scelta migliore.

Quando usare Drupal

La piattaforma Drupal può essere una buona scelta per i siti che usano tipi di contenuto e tassonomie personalizzate (chiamati vocabolari in Drupal).

Se è necessario ad esempio, visualizzare e organizzare decine o centinaia di migliaia di elementi di contenuto disparati, questa potrebbe essere una situazione in cui Drupal potrebbe essere l’opzione migliore.

Drupal ha anche un migliore sistema di permessi di accesso. Se ad esempio hai un sito complesso con diversi tipi di contenuto in cui diversi utenti devono essere in grado di controllarli ( e non essere in grado di accedere ad altri tipi di contenuto ), questo è il tipo di situazione in cui Drupal potrebbe emergere.

Se sei preoccupato per la sicurezza, Drupal ha anche la migliore reputazione in termini di sicurezza ( anche se, di nuovo, tutte e tre le piattaforme sono sicure se implementate correttamente ).

La combinazione dei punti di forza di cui sopra aiuta a capire perché molti enti governativi e grandi istituzioni ( come le università ) usano Drupal.

Tuttavia, Drupal non è altrettanto amichevole con i non sviluppatori. In effetti, arriverei al punto di dire che non è un’opzione praticabile per un non sviluppatore a meno che tu non sia disposto ad assumerne uno.

Fondamentalmente, se non hai alcuna conoscenza di sviluppo o il budget per assumere uno sviluppatore, probabilmente dovresti evitare Drupal.

Quando usare Joomla

Vedo Joomla come una sorta di via di mezzo tra WordPress e Drupal, motivo per cui ho scelto di tenerlo per ultimo.

Mentre Joomla è un pò più complesso di WordPress, è anche molto più semplice di Drupal e qualcosa che anche un non sviluppatore può gestire.

Joomla ha anche page builder drag-and-drop, proprio come WordPress, il che significa che puoi creare progetti personalizzati senza dover essere uno sviluppatore Joomla.

Allora perché dovresti usare Joomla e non WordPress?

Prima di tutto, Joomla, come Drupal, ha un migliore sistema di permessi di accesso. Ancora una volta, troverai più facile controllare ciò che ogni utente può fare, il che può renderlo una buona opzione per i siti web in cui molti utenti avranno bisogno di accedere a parti diverse.

Come con Drupal, molte persone preferiscono Joomla anche per i siti che si basano su tipi di contenuto personalizzati. Ha anche una utile funzionalità che ti consente di utilizzare modelli diversi su contenuti diversi, il che aiuta ancora una volta a gestire tipi di contenuto personalizzati.

Esempi di WordPress, Joomla e Drupal

Per finire, diamo un’occhiata ad alcuni esempi reali di siti web WordPress, Joomla e Drupal.

Esempi siti WordPress

Proprio perchè è così popolare, puoi trovare molti esempi di siti realizzati con WordPress. Dalle grandi istituzioni alle celebrità … dai semplici blog ai siti web aziendali e ai negozi di e-commerce … WordPress è usato in così tanti modi che è difficile limitarlo a pochi esempi.

Ma vediamone alcuni …

Whitehouse.gov

Sito web di Whitehouse.gov

Georgia State University

Sito web della Georgia State University

Sony Playstation Blog

Sony playstation blog

Il Fatto Quotidiano

Il sito web del Fatto quotidiano

E sì, anche il sito che stai leggendo in questo momento funziona su WordPress!

Esempi di siti fatti con Drupal

A causa dei suoi punti di forza, la piattaforma Drupal è utilizzata da grandi istituzioni ed enti governativi. D’altra parte, non troverai davvero qualcuno che utilizza Drupal per un semplice blog.

Negli esempi seguenti, vedrai come Drupal eccelle quando si tratta di gestire diversi tipi di contenuto.

Governo Francese

Il sito Web del governo francese

Arsenal FC

Arsenal FC Website

World Wildlife Fund (WWF)

WWF

Esempi siti Joomla

Rispetto a WordPress e Drupal, non sono riuscito a trovare tanti esempi siti Joomla di grandi marchi o istituzioni.

Troverai comunque abbastanza per darti una buona idea della piattaforma. Joomla ha anche la sua vetrina Joomla dove puoi trovare più esempi di siti web più piccoli.

Roger Federer

Il sito web di Roger Federer su Joomla

iTWire

sito Web iTWire

Conclusione

È difficile coprire ogni singolo aspetto di queste piattaforme perché ogni CMS è incredibilmente dettagliato. Tuttavia, spero che affrontando le differenze di alto livello in termini di approccio, costi, ecc. tu abbia una migliore comprensione di quale sia il CMS migliore per le proprie esigenze.