Vorremmo tutti essere tutti sulla prima pagina di Google, giusto? Forse anche al primo posto? Probabilmente non c’è un proprietario di un sito web che non lo sogni. Dopo tutto, hai investito molto tempo ed energia per creare il miglior sito web possibile e vorresti che il tuo impegno fosse ricompensato…

Tuttavia, sai qual’è il primo passo per raggiungere la pole position di Google? Essere presente su Google. A volte però i siti web non riescono neanche ad essere presenti su Google.

Nell’universo online, questo è a dir poco un disastro. Se non viene rilevato dai motori di ricerca, il tuo sito web sarà invisibile per il 99,999% delle persone su Internet e potrai dimenticarti completamente del traffico organico.

Certo, ci sono fonti di traffico alternative, ma i visitatori dai motori di ricerca rimangono una delle opzioni più importanti e ad alto rendimento.

Al fine di evitare questo tipo di catastrofe, in questo articolo esamineremo i motivi per cui big G (cioè Google) potrebbe evitarti e proporremo quindi un approccio graduale per garantire che ciò non accada.

Iniziamo.

In che modo Google trova il mio sito?

Prima di iniziare, dobbiamo stabilire alcune basi importanti e un vocabolario del motore di ricerca. Ciò renderà più facile per i principianti capire quanto segue.

Per trovare contenuti per i risultati di ricerca, Google si affida ai cosiddetti spider di ricerca. Si tratta di software automatizzati che setacciano Internet e segnalano il contenuto dei vari siti web ai motori di ricerca.

Tutti i principali motori di ricerca hanno i propri spider (ad esempio, lo spider Google si chiama Googlebot – super originale, vero?) E ce ne sono molti altri.

Il processo di esplorazione di un sito web e del suo contenuto è chiamato scansione ed è ciò che fa Googlebot per capire di cosa trattano i tuoi post e le tue pagine.

La fase successiva si chiama indicizzazione. Significa che se il tuo contenuto è stato ritenuto degno dal piccolo robot, viene quindi elaborato e aggiunto all’indice di Google. Questo indice, a sua volta, alimenta i risultati della ricerca.

Tutto chiaro finora?

Perché il mio sito non viene indicizzato da Google?

Il primo passo per vedere se il tuo sito è apparso sul radar di Google è digitare site: iltuodominio.it nella barra di ricerca di Google (naturalmente, cambia iltuodominio.it con il tuo dominio effettivo).

Questo ti mostrerà tutte le pagine del tuo dominio che Google ha nel proprio indice. Se non ricevi risultati, significa che il motore di ricerca è completamente ignaro dei tuoi contenuti o sta succedendo qualcosa al tuo sito che gli impedisce di essere indicizzato.

Ciò può accadere per diversi motivi:

  • Ci sono problemi con il tuo server come problemi tecnici o configurazione errata
  • Il tuo sito web viola i termini di Google ed è stato penalizzato
  • Il tuo sito WordPress o le impostazioni SEO sono configurate male
  • Non hai preso alcuna misura per essere indicizzato
  • Il sito è nuovo e Google non ha avuto abbastanza tempo per aggiungerlo al proprio indice

Ogni caso è diverso e può esserci più di un problema. Tuttavia, non preoccuparti, perchè esamineremo in dettaglio ciascuno di questi fattori di seguito.

Come aiutare Google ad indicizzare il tuo sito web

In un certo senso, siamo completamente alla mercé di Google quando si tratta di essere trovati sul web. Nessun indice, niente traffico organico.

Tuttavia, la buona notizia è che ci sono molte cose che possiamo fare per spingere Google a darci un posto nelle sue SERP.

Investi in un buon provider di hosting

Uno dei primi potenziali ostacoli per essere indicizzato da Google è l’hardware su cui gira il tuo sito.

La bassa velocità del server, i tempi di inattività e le disconnessioni possono far sì che gli spider di ricerca abbandonino la loro causa. Anche se non è molto comune, è una possibilità.

Dato che con un hosting ottieni quello per cui paghi, vale sempre la pena investire in un hosting di qualità con un buon hardware e un’eccellente disponibilità.

Scrivi contenuti di alta qualità

Il problema di essere indicizzati è che non vogliamo solo che Google sia a conoscenza del nostro sito, ma che ne sia consapevole in modo positivo.

Se il tuo sito è vuoto o – peggio – pieno di contenuti scadenti, potrebbe essere indicizzato ma non si avvicinerà nemmeno alla prima pagina delle SERP. E questo è grave quasi quanto non essere indicizzato affatto.

Non è un segreto che Google si preoccupi della pertinenza e della qualità dei tuoi contenuti. Per questo motivo, quando imposti il ​​tuo sito, concentrati su contenuti di alta qualità, utili e originali . Naturalmente, ciò significa anche stare lontano da contenuti duplicati.

Disattiva “Scoraggia i motori di ricerca” in WordPress

Durante la fase di sviluppo di un sito web, l’ultima cosa che vogliamo è essere indicizzati dai motori di ricerca. In effetti, vogliamo mantenere Google e Co. il più lontano possibile dal nostro sito web perchè potremmo essere valutati con contenuti incompleti (e quindi di bassa qualità) e Google formerà un’opinione sul nostro sito sulla base di ciò. Non buono.

Il problema sorge quando ci dimentichiamo di annullare le misure che abbiamo adottato per tenere lontani i motori di ricerca dopo che il nostro sito web è stato pubblicato.

Uno degli errori più comuni è lasciare attivo “Scoraggia i motori di ricerca ad effettuare l’indicizzazione di questo sito” nel back-end di WordPress. Questa è fondamentalmente una condanna a morte per il traffico organico sul tuo sito web.

Quindi, per assicurarti di essere indicizzato (o se hai problemi a comparire su Google), dai un’occhiata a questa impostazione nella parte inferiore di Impostazioni> Lettura e accertati che sia deselezionata.

l'opzione Scoraggia i motori di ricerca ad effettuare l'indicizzazione di questo sito su WordPress

Non dimenticare di salvare se hai apportato modifiche.

Configura correttamente il file robots.txt

Dire a WordPress di scoraggiare i motori di ricerca fa un sacco di cose. Per prima cosa, aggiunge meta tag noindex e nofollow all’header del tuo sito web (ne parleremo più avanti) e impedisce a chiunque di eseguire il ping del tuo sito.

Inoltre questa impostazione configura il file robots.txt di WordPress per impedire a tutti gli spider di ricerca di indicizzare il tuo sito.

Nel caso in cui non lo sapessi, robots.txt è un importante strumento per comunicare direttamente con i motori di ricerca. Puoi usarlo per dire loro quali parti del tuo sito vuoi che indicizzino e quali no.

Per questo motivo, tu o il tuo sviluppatore spesso configurate un file robots.txt aggiuntivo per controllare l’indicizzazione durante lo sviluppo. Anche se questa e un’ottima cosa, diventa un problema quando ti dimentichi di cambiarlo.

Per istruzioni più dettagliate su questo argomento, consulta il nostro articolo su robots.txt e su come utilizzarlo .

Condividi il tuo sito online

Come ho detto prima, per indicizzare il tuo sito, i motori di ricerca devono prima trovarlo. Come fanno? In breve, con i link.

Quando una pagina già indicizzata punta al tuo sito, è molto più probabile che anche Google ti trovi.

Allora, qual’è un modo semplice per creare un collegamento al tuo sito? La risposta: i social network.

Condividendo il tuo sito web su Facebook e Twitter, puoi avvisare i motori di ricerca (e gli umani!) che c’è un nuovo sito nella rete.

Sebbene sia vero che molti di questi link saranno solitamente impostati su nofollow, i motori di ricerca che tracciano i social signals (come Google) dovrebbero comunque essere avvisati della tua presenza.

Iscriviti a Google Analytics

Indipendentemente dall’indicizzazione, per raccogliere maggiori informazioni sulle prestazioni del tuo sito, ti consigliamo di installare una sorta di soluzione di Analytics .

A tal proposito, la maggior parte di noi opta per Google Analytics perché è gratuito, completo e fornisce tutte le informazioni necessarie per lavorare con Google.

Tuttavia, c’è un’altra buona ragione: quando configuri la suite di analisi di Google, dici anche a Google che c’è un sito web a cui dovrebbe prestare attenzione, il che rende più probabile che lo faccia.

Crea una sitemap per indicizzare il tuo sito

Una sitemap è un documento XML che contiene un elenco di tutti i contenuti del tuo sito. Indica ai motori di ricerca cosa hai da offrire e quanto spesso dovrebbero ricontrollare per vedere se c’è qualcosa di nuovo.

In breve, le sitemap sono un ottimo strumento per guidare gli spider di ricerca e crearne una per il tuo sito web è una buona idea.

Per fare ciò, abbiamo diversi plugin a nostra disposizione. Uno dei più popolari è Google XML Sitemaps, considerato attendibile da oltre un milione di utenti.

Un’altra soluzione preferita è Yoast SEO che può creare automaticamente le sitemap , aggiornarle con nuovi post e pagine e avvisare Google quando lo fa.

Invia il tuo sito a Google

L’utilità delle Sitemap non si ferma qui. Dopotutto non vorrai lasciarla riposare e aspettare che Google la scopra?

Ecco un’idea migliore: che ne dici di fare in modo che il gigante della ricerca sappia esattamente dove si trova la tua sitemap in modo che possa iniziare subito a indicizzare i tuoi contenuti?

Puoi farlo esattamente in Google search console. Se non hai ancora un account, usa il link per crearne uno. Per istruzioni più dettagliate su questo argomento, consulta il nostro articolo sulla search console Google e come utilizzarla.

La search console di Google ti fornisce informazioni su ciò che Google sa e pensa del tuo sito e su come puoi migliorarlo ulteriormente.

Dopo aver collegato il tuo sito alla Search Console, vai al tuo account, clicca su Sitemap e aggiungi la tua sitemap.

Aggiungi nuova sitemap

Ora tutto ciò che devi fare è aggiungere l’indirizzo della tua sitemap alla fine del tuo dominio. Di solito è qualcosa come tuodominio.it/sitemap.xml .

(Se stai utilizzando Yoast SEO per la sitemap sarà tuodominio.it/sitemap_index.xml .)

Verifica la presenza di errori di scansione

Quando l’indicizzazione non riesce, spesso è perché c’è qualcosa di tecnico che non va nel tuo sito. Per fortuna, in questo caso, la search console di Google ti avviserà.

Lo fa direttamente sulla tua dashboard (la grande finestra Errori di scansione ) e in Copertura> Dettagli .

Molto spesso saranno errori 404, il che significa collegamenti a URL che non esistono.

Va bene se ce ne sono alcuni (succede), tuttavia, qui noterai anche se c’è qualcosa di più grave in corso che impedisce al tuo sito di essere indicizzato.

Queste informazioni sono fondamentali per intraprendere azioni correttive e puoi trovare avvisi simili nel menu Sitemap.

Richiedi manualmente a Google di eseguire la scansione del tuo sito

Se riscontri problemi sulla tua pagina e hai provveduto a risolverli, puoi chiedere a Google di dare di nuovo un’occhiata alle pagine interessate.

In questo modo saprai se la tua soluzione ha funzionato e dirai anche a Google che queste pagine sono ok ora senza dover aspettare che eseguano la scansione del tuo sito a loro piacimento.

Per fare ciò, devi prima recuperare gli URL in questione. Ciò avviene in Controllo URL.

Segnalare un link a Google

Qui puoi inserire qualsiasi pagina del tuo dominio affinché Google la controlli e tramite Testa url pubblicato persino visualizzarla nel modo in cui la vedono i loro spider di ricerca. Quest’ultimo può aiutarti a individuare errori o altre cose che vanno storte durante l’elaborazione della tua pagina.

Dopo aver recuperato una pagina, verrà visualizzata nell’elenco in basso con link che dice Richiesta di indicizzazione . Se il recupero e il rendering vanno a buon fine, puoi usarlo per dire a Google di provare ad aggiungere la pagina al loro indice.

Controlla il file .htaccess

.htaccess è un altro file importante sul tuo server con informazioni per browser e motori di ricerca su come utilizzare e gestire il tuo sito.

Ad esempio, .htaccess contiene informazioni di rewrite, che ti consentono di utilizzare pretty permalink . Oltre a ciò, può anche contenere autorizzazioni per le diverse directory sul tuo sito.

Sebbene sia molto utile, questo file può essere fonte di problemi per gli sforzi di indicizzazione del tuo sito.

Va un pò oltre lo scopo di questo articolo entrare in questo argomento (molto tecnico), tuttavia, se riscontri problemi con l’indicizzazione che non riesci ai spiegare, potrebbe valere la pena controllare questo file.

A volte può essere sufficiente andare su Impostazioni> Permalink nel back-end di WordPress e fare clic su Salva modifiche per fare in modo che WordPress aggiorni il file .htaccess. Se questo passaggio non funziona, potrebbe essere necessario cercare su Google.

Controlla i meta tag

I meta tag sono elementi nel codice del tuo sito che forniscono informazioni aggiuntive sul suo contenuto e architettura.

Se ad esempio imposti una meta description in un plugin SEO di WordPress, verrà visualizzata all’interno di un meta tag nella sezione principale della tua pagina.

Un tag chiamato robot in particolare è molto importante. Il suo valore può essere index / noindex e follow / nofollow . Come probabilmente puoi intuire, queste sono direttive rivolte agli spider dei motori di ricerca.

In effetti, l’opzione scoraggia i motori di ricerca in WordPress di cui abbiamo già parlato, aggiunge un tag noindex, nofollow al tuo sito fino a quando non viene disattivata.

Se riscontri difficoltà di indicizzazione (o vuoi semplicemente assicurarti che non ci siano problemi), puoi controllare l’head del tuo sito tramite Firebug o gli strumenti per sviluppatori del tuo browser.

Se esistono meta tag come questo, li troverai abbastanza facilmente. Dopodiché, è solo questione di capire quale plugin o programma è responsabile del loro inserimento.

Ottieni backlink di qualità al tuo sito

Come accennato in precedenza, gli spider di ricerca di solito trovano un sito tramite un link diretto.

Tuttavia, i link non sono solo un percorso per il tuo sito web, ma anche un modo per Google di giudicare la sua qualità.

Mentre in passato potevi iscriverti in qualsiasi tipo di directory web e spararti link fino a quando non ti posizionavi, oggi questo tipo di comportamento ti farà più male che bene.

Ormai, è tutta una questione di qualità del link .

Google determina un link di alta qualità in base alle seguenti caratteristiche:

  • Rilevanza : il collegamento proviene da un sito correlato al tuo argomento o settore
  • Affidabilità : non proviene da un sito web di bassa qualità o contenente spam
  • Attività : il collegamento invia effettivamente traffico
  • Testo di ancoraggio pertinente : il testo che funge da collegamento è significativo
  • Posizione del link : i collegamenti all’interno di un articolo editoriale hanno un peso maggiore rispetto alla barra laterale o ai link nel footer
  • PageRank – Se Google si fida già della pagina web dal quale proviene il link, lo farà anche con i siti web a cui si collega
  • Unicità : diversi siti web che fanno riferimento a te una volta sono più preziosi di un sito web che si collega a te più e più volte
  • Reciprocità – Se il collegamento è una strada a senso unico (il che significa che non ci si collega allo stesso sito), significa che non è in corso alcuno scambio di collegamenti

È un compito arduo, lo so. Ma tieni presente che non tutti i backlink devono avere tutte quelle caratteristiche per aiutarti nel posizionamento.

L’acquisizione di backlink di alta qualità è di per sé una forma d’arte e Backlinko ha scritto un’ottima guida su come farlo.

È anche più una strategia a lungo termine e non una soluzione rapida, ma ne vale la pena. Non ti aiuterà solo a farti trovare, ma renderà il tuo sito prezioso agli occhi di Google.

E questa è una buona cosa perché più Google pensa che tu sia prezioso, più pagine del tuo sito indicizzerà.

Aspetta…

La pazienza non è per tutti, ma a volte non c’è altro modo.

Anche se fai tutto bene, è improbabile che Google ti indicizzi due minuti dopo la pubblicazione di un contenuto. Non è così che funziona.

Sebbene sia possibile apparire nei risultati di ricerca entro 24 ore, non vi è alcuna garanzia che ciò accadrà effettivamente.

Quindi, se sei un tipo impaziente e hai fatto tutto il possibile, vai a leggere un libro, fai una passeggiata o fai qualcos’altro per un pò fino a quando non è il momento di controllare i risultati dei tuoi sforzi.

Come essere indicizzati da Google in breve

Uno dei primi passi verso il successo nei motori di ricerca e il traffico organico gratuito è essere indicizzato da Google. Senza essere presi in carico dai motori di ricerca, ai tuoi contenuti non servirà tutta la SEO del mondo.

Fortunatamente, ci sono molte cose che puoi fare per rendere più probabile l’indicizzazione. Dalle corrette impostazioni del server e di WordPress all’ottimizzazione dei contenuti e ai backlink: le possibilità per migliorare sono numerose.

Seguire i suggerimenti di cui sopra dovrebbe gettare una solida base per essere presenti nelle SERP. È inoltre possibile utilizzarne molti per la risoluzione dei problemi che si dovessero verificare.

In bocca al lupo!