Il PageRank di Google potrebbe sembrare un concetto obsoleto. Poiché i punteggi pubblici non sono più visibili nelle barre degli strumenti dei motori di ricerca, è facile presumere che questa metrica non sia più importante per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Tuttavia, influenza ancora le classifiche dei tuoi contenuti dietro le quinte, quindi è bene familiarizzare con esso.

In questo articolo spiegheremo cos’è il PageRank Google, la sua breve storia e come funziona. Discuteremo anche di come può influenzare la tua attività SEO..

Immergiamoci subito!

Cos’è il PageRank di Google?

PageRank è un sistema sviluppato nel 1997 dai fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin. È stato progettato per valutare la qualità e la quantità di link a una pagina. Insieme ad altri fattori, il punteggio determinava le posizioni delle pagine nelle classifiche dei motori di ricerca.

Per illustrare questo concetto, è utile pensare a Google che interpreta i link come “voti”. Oltre a contarli, Google analizza anche le pagine che esprimono ogni “voto” e valuta alcune come più importanti di altre. Come risultato di questi e altri fattori, Google calcola un punteggio totale noto come PageRank del contenuto.

La motivazione alla base della creazione del PageRank era migliorare la qualità e la precisione complessive dei motori di ricerca. Agli albori di Internet, i risultati della ricerca spesso non erano pertinenti alle query degli utenti come lo sono oggi.

Il sistema di riferimento nel mondo accademico e il processo di valutazione degli articoli scientifici hanno ispirato Sergey Brin e Larry Page a risolvere questo problema. Hanno utilizzato questi concetti nel loro progetto di ricerca presso la Standford University e li hanno applicati ai motori di ricerca. L’idea è diventata la base di Google e del suo PageRank della barra degli strumenti, che mostrava pubblicamente i punteggi.

Alla fine, Google ha interrottolo la toolbar del PageRank di Google. La metrica del punteggio singolo non era più utile al pubblico e creava confusione sul suo significato. Ha anche contribuito a collegare spam e pratiche SEO abusive, come l’acquisto e la vendita di backlink.

Come viene calcolato il PageRank?

Il PageRank viene calcolato in base a una formula matematica, che il documento di Google originale definisce come segue:

PR (A) = (1-d) + d (PR (T1) / C (T1) +… + PR (Tn) / C (Tn))

In questa equazione, T1 a Tn sono tutte le pagine che si collegano alla pagina A . C rappresenta il numero di link in uscita e d è un fattore di smorzamento, generalmente impostato a 0,85.

Per semplificare questa formula, potremmo dire che Google considera la quantità di link in entrata e in uscita e il PageRank di ciascuna pagina di collegamento. L’esempio di “voto” sopra è il modo migliore per illustrare questo sistema.

In sostanza, la quantità di punti (chiamati anche “link juice”) che una pagina può trasferire dipende dal suo PageRank totale. Strutture di collegamento in entrata e in uscita ben mantenute possono trasmettere un notevole link juice, che può aumentare la posizione del tuo sito web nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Supponiamo che la pagina A abbia accumulato dieci punti PageRank. Il collegamento alla pagina B trasferirà l’importo massimo, che è di dieci punti. Tuttavia, il collegamento ad altre cinque pagine (interne o esterne) diluirà il succo del collegamento, quindi la pagina A passerà solo due punti a ciascuna pagina.

In alcune situazioni, potresti preferire non trasferire alcun punto PageRank a una pagina. Ad esempio, un determinato collegamento potrebbe portare a un annuncio a pagamento oa una fonte inaffidabile, che potrebbe minare la tua autorità.

In tal caso, è possibile utilizzare il tag rel = “nofollow” , che dice a Google di non trasferire link juice. Nota che il link “nofollow” conta ancora nel calcolo del PageRank totale, quindi il numero di punti che puoi trasferire rimarrà inferiore.

Perché il PageRank è importante per la SEO?

Sebbene l’esatto algoritmo di ranking dei motori di ricerca rimanga sconosciuto, è lecito ritenere che il PageRank stia ancora influenzando le SERP. I backlink possono rafforzare o peggiorare la tua fomain authority , il che influisce sul tuo punteggio PageRank. Pertanto, pratiche come la link building dovrebbero diventare parte della tua strategia SEO.

Alcuni suggerimenti utili per la creazione di link esterni che puoi implementare per migliorare il tuo PageRank includono:

  • Cerca backlink di qualità. Un collegamento da una pagina autorevole può trasmettere molto link juice. Pubblicare costantemente contenuti di alta qualità e trovare opportunità di pubblicazione di guest post su siti web affidabili può aiutare in questo.
  • Evita i link interrotti. I link interrotti sprecano link juice e abbassano il tuo PageRank. Assicurati che i tuoi link interni funzionino e che i siti esterni rimandino correttamente alle tue pagine.
  • Incoraggia la creazione di link organici. Contenuti accattivanti che risuonano con il tuo pubblico possono aumentare i tuoi backlink in modo naturale. In particolare, contenuti di lunga durata, parole chiave strategiche e altre utili pratiche SEO possono aiutare in questo.
  • Sii presente sui social media. Promuovere il tuo brand sui social media crea opportunità per backlink e ricondivisioni.
  • Utilizza gli strumenti di controllo dei backlink . Controlli regolari del profilo backlink ti aiuteranno a rilevare segnali di pericolo come spam o link da siti non affidabili, che danneggiano la tua domain authority.

Anche i link interni possono aumentare il tuo PageRank e gli sforzi SEO, quindi non trascurare i riferimenti ai tuoi post, in particolare i tuoi contenuti fondamentali . Inoltre, questo dà a Google un’idea della struttura del tuo sito web in modo che possa valutarne la pertinenza, le relazioni tra le pagine e la facilità d’uso.

Infine, fai attenzione a non abusare dei link. L’algoritmo di Google potrebbe interpretarlo come spam e di conseguenza penalizzare il tuo sito web. Invece, assicurati di seguire una strategia di link building etica che si concentri sulla qualità piuttosto che sulla quantità.

la link building richiede tempo, il che può essere frustrante. Tuttavia, quando si tratta di SEO, non conviene mai prendere scorciatoie. Google riconoscerà se un link è fuori contesto o irrilevante per il tuo post. Produrre contenuti di alta qualità che forniscano valore ai tuoi lettori è il modo migliore per assicurarti che i tuoi sforzi siano ripagati a lungo termine.

Conclusione

Sebbene Google abbia interrotto il PageRank alcuni anni fa, questa metrica è ancora rilevante per la tua SEO. Anche se non dovresti ossessionarti, tieni presente che la tua struttura di link interni e link esterni pertinenti influenzano il posizionamento nei motori di ricerca del tuo sito web.

In questo post abbiamo spiegato cos’è il PageRank di Google e come funziona in teoria la sua formula. Abbiamo anche discusso alcune delle migliori pratiche SEO per migliorare il tuo punteggio, come costruire la tua domain authority e backlink affidabili.