Ottimizzi la SEO in termini di ricerca vocale? Se non lo fai ancora, allora è il momento di iniziare a ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale.

Ricerca vocale: una tendenza in crescita alla quale devi prestare attenzione

Qualche tempo fa, Google ha affermato che i suoi dispositivi Android elaboravano circa il 20% dei risultati di ricerca sotto forma di ricerche vocali.
Oltre a Google, ci sono anche Alexa, Cortana e Siri quindi possiamo concludere che un enorme segmento di utenti si basa sulla voice search.

È molto importante considerare questo segmento nella tua strategia SEO. La crescente domanda di ricerca vocale ha delle valide motivazioni: in precedenza, le ricerche vocali erano troppo imprecise e la tecnologia non era in grado di comprendere correttamente le voci degli utenti, di conseguenza, la ricerca vocale era inefficiente.
Oggi invece la precisione delle ricerche vocali è notevolmente migliorata (uno studio la indica come accurata al 92%).

È improbabile che la ricerca vocale prenda il controllo di tutto il traffico di ricerca ma, come creatore di contenuti, dovresti aspettarti che i numeri di utilizzo continuino ad aumentare per settori come e-commerce, servizi, cibo, aziende locali, notizie, istruzione e viaggi.

Un rapporto di comScore ha rilevato che entro il 2020 oltre il 50% delle ricerche verrà effettuato utilizzando un assistente intelligente . Pur con margini considerevoli, questo è un numero abbastanza ampio da seguire con molta attenzione.

statistiche sulla ricerca vocale SEO

Lo scopo di questo articolo è darti suggerimenti attuabili in modo che tu possa preparare i tuoi contenuti per un affluenza di utenti della voice search. E, meglio ancora, molti di questi suggerimenti SEO per la ricerca vocale influiscono direttamente anche sulla strategia generale di ottimizzazione per i motori di ricerca.

Se sei pronto, incominciamo!

Ottimizzare per la ricerca vocale

C’è un’enorme differenza nelle abitudini dei consumatori quando cercano le query digitate o le ricerche vocali.

Ad esempio, se un utente è interessato ad andare in un ristorante a Londra, la sua query digitata sarebbe “i migliori ristoranti di Londra”. Al contrario, lo stesso utente cambierebbe la query vocale in “quali sono i migliori ristoranti a Londra?”

Quest’ultima modalità è sicuramente più naturale in quanto contiene il linguaggio umano del mondo reale. Pertanto, l’ottimizzazione per la ricerca vocale ruota intorno alle normali parole e le frasi che utilizziamo di solito nei nostri discorsi.

Una delle tecniche per eseguire l’ottimizzazione per la ricerca vocale è inserire i contenuti sul tuo sito web sotto forma di domande e risposte. Questo tipo di contenuto segue un tono di conversazione.

Le domande in questo tipo di contenuto possono includere quei termini (parole chiave) che vengono utilizzati nel linguaggio naturale.

Se ad esempio offri lo sviluppo di un sito web come servizio, il tuo contenuto di domande e risposte potrebbe includere frasi come “qual è il costo per creare un sito web”, “qual è la migliore società di sviluppo di siti web ad Ancona” o “quanto tempo impiegate a realizzare un sito web?”.

E’ necessario assicurarsi che i crawler siano in grado di accedere facilmente al tuo sito web per conoscere il tuo brand in modo da posizionarlo per le query di ricerca vocali.

Per fare questo, ci sono diverse soluzioni come l’invio della tua sitemap ai motori di ricerca. Inoltre, puoi sfruttare schema markup, i rich snippet, i micro-dati e altre strategie simili.

Queste “strategie” non fanno altro che comunicare i loro mini codici ai motori di ricerca informandoli sui dettagli del tuo brand.

Se sai poco o niente riguardo ai dati strutturati, puoi utilizzare questo strumento fornito gratuitamente da Google che può aiutarti ad osservare i vari tipi di contenuti da contrassegnare, ti guida attraverso l’intera procedura e garantisce che l’HTML sia correttamente implementato sul tuo sito web.

Ricerca vocale e SEO: quattro tattiche chiave nel 2020

1. Integra contenuti conversazionali basati sulla risposta

Tutti i migliori smark speaker utilizzano Natural Language Processing (NLP) per il riconoscimento vocale e comprendere l’intonazione dietro le query di ricerca degli utenti. In breve, la NLP cerca di rispondere alle query di ricerca con contenuti che corrispondono allo stesso tono di voce utilizzato da una persona durante la ricerca.

Quindi, se qualcuno sta cercando:

  • Che cosa è successo al il Re della notte in Game of Thrones?
  • Qual è la migliore pizzeria vicino a me?
  • Quando ha vinto l’ Oscar Leonardo DiCaprio ?

NLP cercherà risposte chiaramente definite e concise. Se i tuoi contenuti sono scritti come una storia con troppa frammentazione, gli assistenti vocali semplicemente non saranno in grado di comprendere i tuoi contenuti.

Ecco un esempio di frammento che la NLP interpreterà facilmente:

Nel 2016, Leonardo DiCaprio ha vinto il suo primo Oscar come miglior attore per il ruolo in The Revenant. Questa era la sesta nomination per Leo e la sua prima vittoria. Durante il suo discorso di ringraziamento, Leo ha esortato le persone di tutto il mondo a prestare molta attenzione ai cambiamenti climatici e al suo impatto sul pianeta.

Puoi approfondire l’argomento leggendo documento ufficiale pubblicato da Google: Evaluation of Search Speech.

2. Aggiungi i dati strutturati per taggare i singoli paragrafi

I dati strutturati sono un modo per facilitare ai motori di ricerca la comprensione dei tuoi contenuti. Puoi specificare elementi come i dati dell’articolo, il punteggio delle recensioni e altro ancora. E queste informazioni ti aiutano ad ottenere i rich snippet nella ricerca di Google.

Ecco un esempio di un risultato di ricerca di Google per la ricerca “spaghetti alla carbonara”:

rich snippet

E mentre nessuno di questi influenzerà direttamente la SEO della ricerca vocale, la proprietà Speakable lo farà. Speakable è un valore di Schema emergente (BETA) che ti consente di definire un segmento del tuo contenuto come vocale.

Ecco cosa dice Google su questa nuova proprietà, “Quando l’Assistente vocale di Google legge ad alta voce una sezione Speakable , attribuisce la fonte e invia l’URL completo dell’articolo al dispositivo mobile dell’utente tramite l’app Assistente Google”.

Questo, quindi, porta una serie di vantaggi.

In primo luogo, i tuoi contenuti sono compresi dagli assistenti vocali e, in secondo luogo, l’assistente vocale fornirà all’utente un link ai tuoi contenuti.

Se vuoi saperne di più sui dati strutturati, vai al nostro articolo su come aggiungere schema su WordPress .

3. Ottimizza i tuoi contenuti per gli snippet in primo piano

I risultati in primo piano (o featured snippet) sono qualcosa che incontri ogni giorno nei risultati di ricerca di Google. Ecco un esempio:

esempio di snippet in primo piano

A differenza dei rich snippet, non puoi aggiungere alcun markup diretto ai tuoi contenuti per dire a Google di creare uno snippet in primo piano. È qualcosa che Google “fa” da solo.

Per quanto riguarda la ricerca vocale SEO, sono una vera manna dal cielo.

La maggior parte degli smart speaker e degli assistenti vocali riconosce gli snippet in primo piano e spesso li utilizza come mezzo per rispondere alle domande degli utenti .

ricerca vocale SEO e frammenti in primo piano

Quindi probabilmente ti starai chiedendo: come faccio a mettere in evidenza i miei contenuti su Google ?

Non esiste una ricetta specifica per questo. Sappiamo che Google utilizza più segnali per decidere quali contenuti vengono messi in evidenza.

Ecco alcuni di questi segnali:

  • Paragrafi ricchi di contenuti che approfondiscono un argomento specifico.
  • Elenchi che arricchiscono il contenuto sotto una sottorubrica.
  • Contenuto tecnico organizzato in una tabella HTML.
  • Contenuto evidenziato utilizzando tag come grassetto e corsivo.

La risposta breve è scrivere contenuti in più segmenti con informazioni estremamente ricche e pertinenti . Non pensare solo alla scrittura, pensa a come il tuo contenuto risponde alle domande.

4. Scrivi contenuti approfonditi con parole chiave a coda lunga

Non si può parlare di ricerca vocale SEO senza menzionare parole chiave a coda lunga (longtail keyword) e contenuti approfonditi .

Entrambi formano la ricetta per il successo nella ricerca vocale.

Anzitutto, ecco alcuni dati sulla lunghezza media delle parole per articolo per i primi 10 risultati nella ricerca di Google :

contenuto di lunga durata seo

I dati suggeriscono che i post più lunghi sono correlati a un rank più elevato su Google. E gli articoli con oltre 2.400 parole forniscono molti contenuti e molte opportunità per essere la fonte delle query di ricerca vocale.

Questa opportunità deriva dall’utilizzo di parole chiave a coda lunga e dall’aggiunta di profondità ai contenuti.

Un altro modo di vedere è quello di pensare ai post e agli articoli del tuo blog come sezioni FAQ su un argomento specifico.

Più ti concentri sulla creazione di contenuti definitivi, più Google può capire la profondità di ciò che condividi.

Ecco alcuni suggerimenti per aggiungere profondità ai tuoi contenuti:

  • Usa i sottotitoli per approfondire un argomento.
  • Scrivi tutte le domande a cui vuoi rispondere con il tuo post, quindi usa quelle domande come punti guida per i tuoi contenuti.
  • Fornisci un sommario in modo che gli utenti possano passare rapidamente alla sezione che desiderano.
  • Concentrati su segmenti di contenuto minori che forniscano informazioni dettagliate.

Ti consiglio di valutare strumenti di blogging come Ahrefs per analizzare i contenuti principali attraverso le tue query di ricerca specifiche. Una volta che sai quale contenuto si posiziona meglio, puoi usare principi simili nei tuoi contenuti per renderli quanto più possibile esaurienti.

Implementa oggi la SEO per la ricerca vocale

Come hai visto, applicare suggerimenti per la ricerca vocale ai tuoi contenuti non è poi così difficile. Ed è un po’ come ottimizzare i tuoi contenuti per scopi SEO generali .

L’unica vera differenza è che i motori di ricerca vogliono che tu renda i tuoi contenuti molto specifici. Concentrati su frammenti di contenuto piuttosto che su paragrafi sostanziosi.

Ecco un riassunto di ciò che abbiamo imparato:

  1. Il tono di scrittura conversazionale aiuta ad abbinare il tono dell’utente che sta eseguendo una query di ricerca vocale.
  2. Puoi utilizzare il markup dei dati strutturati per specificare un segmento del tuo contenuto che sia vocale.
  3. Gli assistenti vocali utilizzano gli snippet in primo piano come mezzo per rispondere alle domande degli utenti.
  4. Avrai risultati migliori se scrivi contenuti approfonditi e ben organizzati.

Ti interessa l’ottimizzazione della ricerca vocale? Contattaci, possiamo aiutarti a ottimizzare il tuo sito web e assicurarci che si posizioni bene in risposta alle domande vocali.

Buon lavoro!