Già nel 2016, gli esperti avevano previsto che le ricerche vocali alla fine avrebbero costituito una percentuale significativa delle ricerche Google in tutto il mondo. Ora che diverse persone utilizzano dispositivi intelligenti come Google Home, Alexa e Siri, la capacità di ricerca vocale sta diventando sempre meno una novità e un must per i siti web.

Le capacità di ricerca vocale si sono sviluppate molto negli ultimi anni. Man mano che le piattaforme di ricerca acquisiscono sempre informazioni e le tecnologie di riconoscimento vocale diventano più avanzate, gli utenti sono certi che le ricerche vocali forniranno loro le informazioni di cui hanno bisogno.

Se il tuo sito WordPress non è ottimizzato per le ricerche vocali, potresti perdere molto traffico in futuro. Ma per sapere come ottimizzare il sito WordPress per la ricerca vocale in modo efficace, dobbiamo capire come funziona la tecnologia e come possiamo sfruttarla.

Come funziona la ricerca vocale

La ricerca vocale è diventata un luogo comune. Sembra funzionare come per magia e la tecnologia alla base è a dir poco sorprendente. Tuttavia, ci sono volute molte ricerche prima che i dipendenti di Google potessero capire come far intendere ad una macchina il linguaggio umano e rispondere alle richieste.

Innanzitutto, Google prende la tua voce e la elabora in testo, quindi utilizza l’apprendimento automatico per rilevare domande e richieste. Una volta che pensa di aver capito cosa vuoi che faccia, si collega al motore di ricerca Google per trovare i migliori siti pertinenti. Ciò richiede molta potenza di elaborazione, ma se riesci a ottimizzare correttamente il tuo sito, puoi ottenere molto traffico prezioso dalle ricerche vocali.

Oltre a utilizzare l’intento dell’utente per rispondere a singole domande, la ricerca vocale di Google può ora rispondere alle domande poste in sequenza. Se ad esempio chiedi a Google “chi è il proprietario di facebook?”, otterrai il seguente risultato:

Ricerca vocale di Google per chi possiede Facebook

Quindi, se esegui una ricerca vocale per “Quanto vale”, otterrai la seguente risposta:

La risposta di google alla ricerca vocale

La tecnologia che Google utilizza, chiamata ricerca semantica sequenziale, consente agli assistenti di ricerca vocale di associare le domande alle ricerche precedenti per ottenere risultati più pertinenti. È come avere una conversazione con un vero essere umano.

Sebbene la maggior parte delle persone non esegua molte ricerche vocali correlate consecutive, l’esempio sopra ci mostra quanto il riconoscimento vocale e la tecnologia di ricerca vocale di Google siano migliorati da quando è stato introdotto per la prima volta.

Perché dovresti ottimizzare WordPress per la ricerca vocale

La nuova tecnologia di ricerca vocale ha portato a più utenti da quando è stato annunciato l’aggiornamento di Google Hummingbird nel 2013. Vengono visualizzati continuamente annunci per Alexa e Google Home e oltre 3 miliardi di persone ora utilizzano la ricerca ad attivazione vocale e gli assistenti vocali in tutto il mondo.

Cosa significa questo per i proprietari di siti web? Entro la fine del 2022, le vendite del commercio vocale raggiungeranno i 40 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti. Oltre all’e-commerce, gli utenti della ricerca vocale richiedono argomenti vari come musica, previsioni del tempo, notizie, indicazioni stradali, informazioni commerciali locali e curiosità. In pratica, un numero enorme di siti WordPress può trarre vantaggio dall’impennata delle ricerche vocali se si conosce come ottimizzare correttamente il proprio sito.

Circa il 75% dei migliori risultati di ricerca vocale si posizionerà anche nei primi tre risultati di una ricerca effettuata tramite desktop. Quindi, se sei seriamente intenzionato a raggiungere il tuo pubblico di destinazione , ottimizzare i tuoi contenuti per la ricerca vocale ha molto senso.

Sta diventando sempre più chiaro che Google sta gradualmente passando dalle ricerche digitate alle ricerche vocali come principale fonte di traffico. Sembra esserci un forte pregiudizio nel modo in cui Google posiziona meglio i contenuti vocali. O è perché i contenuti vocali sono anche intrinsecamente più facili da indicizzare per i crawler di Google?

In ogni caso, l’ottimizzazione del tuo sito per la ricerca vocale aiuterà anche il tuo sito a posizionarsi più in alto nelle ricerche desktop. In altre parole, è un vantaggio per tutto! Sebbene alcune strategie siano sempre una buona idea per qualsiasi tipo di SEO, ciò che funziona per la ricerca desktop non funziona necessariamente per la ricerca vocale. Dovrai ottimizzare il tuo sito WordPress in modo diverso se desideri utilizzare le ricerche vocali per continuare a raggiungere il tuo pubblico di destinazione. Continua a leggere per imparare come fare proprio questo.

Come ottimizzare il tuo sito WordPress per la ricerca vocale

Se in futuro desideri attirare più traffico sul tuo sito WordPress dovrai ottimizzarlo soprattutto per la ricerca vocale. Occorrono più passaggi e un pò di tempo e pazienza per raggiungere questo obiettivo, quindi prima inizi, meglio è.

Ecco alcune modifiche che puoi apportare al tuo sito per renderlo ricercabile tramite la voce.

Rendi i tuoi contenuti pertinenti e facili da leggere

Il risultato medio della ricerca vocale è lungo poco meno di 30 parole. Ciò significa che gli utenti della ricerca vocale di Google preferiscono risposte brevi e concise rispetto a contenuti di lunga durata. Immaginiamo che ciò sia dovuto al fatto che la maggior parte degli utenti di Google non ha abbastanza pazienza per ascoltare Google che legge intere pagine di contenuti.

Ciò non significa che non puoi pubblicare contenuti di 2.000 parole o più. I contenuti di lunga durata sono ancora importanti per le tue prestazioni SEO complessive. Significa solo che dovresti anche concentrarti su paragrafi e frasi che possono stare da soli e rispondere alle domande del tuo pubblico.

A parte la lunghezza del contenuto, Google apprezza anche la scrittura semplice (mirare a un livello di lettura di circa il nono grado). Il tono dei tuoi contenuti dovrebbe essere colloquiale e tutte le informazioni pertinenti dovrebbero essere nel testo stesso, non nascoste nelle immagini o nel codice HTML (sebbene incoraggiamo anche l’aggiunta di testo alternativo alle immagini per aumentare il ranking di ricerca di Google Immagini).

Soprattutto, le informazioni che offri dovrebbero essere correlate alle parole chiave per le quali desideri essere posizionato. Google è abbastanza intelligente da sapere quando stai cercando di ingannare l’algoritmo (come il keyword stuffing, cioè riempire i tuoi contenuti con parole chiave non correlate o collezionando backlink errati) e non esiterà a penalizzare il tuo sito quando se ne accorge.

Aggiungi parole chiave a coda lunga ai tuoi contenuti

L’aggiornamento di Hummingbird significa che Google non fa più affidamento esclusivamente sulle parole chiave per determinare i risultati di ricerca. Assume invece un approccio più colloquiale alle ricerche vocali, simile alla tecnologia utilizzata negli assistenti personali come Alexa, Google Home e Samsung Bixby.

Ciò significa che, sebbene sia ancora possibile utilizzare keyword semplici, sarà necessario includere parole chiave a coda lunga se si desidera che i propri contenuti abbiano qualche possibilità di posizionamento. Queste parole chiave danno al sistema di Google il contesto di cui ha bisogno per collegare le tue parole e fargli produrre risultati pertinenti alla tua domanda.

Ciò significa concentrarsi su parole chiave che assomigliano a frasi intere e domande reali che una persona farebbe.

Parole chiave a coda lunga per la ricerca vocale

Ad esempio, se crei un blog in cui condividi ricette, potresti voler posizionare “come si fa la pasta alla carbonara” invece di concentrarti su un termine generico come “carbonara” o anche “ricetta carbonara”. Ciò significa che i tuoi contenuti dovranno utilizzare correttamente la parola chiave a coda lunga.

Non c’è da meravigliarsi che le tre parole chiave più comuni nelle frasi di ricerca vocale siano “come”, “cosa” e “migliore”: queste parole aiutano a creare il contesto. E quando si tratta di ricerca vocale, il contesto è tutto.

Utilizza un tema ottimizzato per i dispositivi mobili

Non è un segreto che la velocità di caricamento della pagina influenzi i risultati di ricerca. Svolge anche un ruolo importante nei risultati della ricerca vocale. Backlinko ha recentemente analizzato più di 10.000 ricerche vocali di Google Home e ha scoperto che il tipico risultato di ricerca vocale si carica il 52% più velocemente delle pagine medie. Ciò significa che dovrai lavorare per ridurre il tempo di risposta del tuo server se vuoi che i tuoi contenuti abbiano una possibilità di ranking.

Google ha inoltre annunciato che il suo mobile sarch index tiene conto della velocità della pagina. Poiché la maggior parte delle ricerche vocali viene effettuata tramite dispositivi mobili, dovresti accertarti che il tuo sito sia completamente ottimizzato per i dispositivi mobili per ridurre i tempi di caricamento e aumentare le tue posizioni nei risultati di ricerca..

Sebbene sia intelligente implementare modifiche sul tuo sito come la riduzione delle dimensioni dei file di immagine e l’eliminazione del codice HTML inutilizzato, il passaggio a un tema ottimizzato per i dispositivi mobili avrà il maggiore impatto in generale.

Aggiorna la tua scheda Google My Business

google my business

Molte ricerche vocali comportano semplici domande, come indicazioni stradali o orari di apertura di attività commerciali locali. Oltre ad aggiornare i contenuti del tuo sito web per includere più riferimenti alla tua posizione, puoi anche aggiornare la tua scheda Google My Business . I risultati di Google My Business sono spesso i primi nelle ricerche che includono “vicino a me” o una parola chiave specifica per località. Se non hai ancora rivendicato la tua scheda, potresti perdere traffico.

Ecco alcune informazioni che dovresti aggiornare nella tua scheda di Google My Business:

  • Numero di telefono : includi il prefisso per aiutare gli utenti a localizzarti correttamente.
  • Indirizzo : controlla se riesci a trovare il tuo indirizzo su Google Maps prima di aggiornare il tuo profilo GMB.
  • Indirizzo email
  • Orari di lavoro
  • Categoria dell’attività commerciale : l’inserimento nella categoria giusta aiuterà i clienti a trovarti. Indica la natura della tua attività, non cosa vende o cosa fa

Oltre a Google My Business, puoi aggiornare il tuo account Google Ads per utilizzare gli annunci di ricerca locale di Google Maps e le estensioni di località. In questo modo, i clienti che desiderano visitare un’attività come la tua vedranno i tuoi annunci e troveranno subito la tua attività.

Conclusione

Mentre molti utenti continuano a utilizzare la ricerca basata su parole chiave digitando sui propri dispositivi, la ricerca vocale sta crescendo e sta cambiando il modo in cui effettuiamo ricerche online. Le query di ricerca si allungano e iniziano ad assomigliare più da vicino ai modelli di linguaggio naturale, e i motori di ricerca iniziano a dare la priorità a risposte brevi e dirette alle domande.

Se vuoi sfruttare le ricerche vocali per esporre il tuo sito WordPress a un pubblico più ampio, dovresti iniziare subito. Crea contenuti concisi e pertinenti con una buona combinazione di parole chiave a coda corta e lunga, crea un’esperienza mobile impeccabile implementando un tema WordPress responsive e migliora la tua local SEO le rivendicando la tua scheda Google My Business.

Buon lavoro.