Utilizza Google Search Console per ottimizzare il tuo sito WordPress

Pubblicato in data 27 Ottobre 2019 Categoria Consigli WordPress, Seo & Marketing

usare google search console per ottimizzare un sito WordPress

L’ottimizzazione di un sito web può essere un’attività opprimente. Esistono molti modi per affrontare quello che sembra un elenco infinito di elementi di cui devi occuparti.

Conoscere cosa risolvere non è sempre chiaro. Per fortuna, Google Search Console (GSC) può offrirci informazioni su quali dovrebbero essere le priorità di ottimizzazione.

Questo strumento gratuito può aiutarti a monitorare l’aspetto del tuo sito web nei risultati dei motori di ricerca e individuare aree per potenziali miglioramenti.

In questo articolo, ti spiegheremo come configurare la console di ricerca e trasformeremo le tue conoscenze GSC in strategie di ottimizzazione tangibili. Iniziamo!

Verifica il tuo sito WordPress su Google Search Console

Configurare il tuo sito web WordPress tramite Google Search Console è semplice, ma richiede la verifica della proprietà del tuo sito web.

Questo processo aiuta a proteggere i tuoi dati importanti.

Passaggio 1: vai alle Impostazioni della proprietà

Per iniziare, accedi a GSC . Nell’angolo in alto a sinistra, fai clic su Cerca proprietà per accedere all’opzione Aggiungi proprietà :

Impostazioni delle proprietà in Google Search Console

Puoi scegliere se monitorare un nuovo dominio o un prefisso URL:

Aggiungi nuovo dominio o prefisso URL in Google Search Console

Per questo esempio, selezioneremo Dominio . Dovrai incollare l’URL del tuo sito web esattamente come appare nel browser e selezionare Continua .

Passaggio 2: verifica il tuo sito

Dopo aver aggiunto la proprietà, ti verranno fornite le informazioni necessarie per verificare il tuo sito web tramite le impostazioni DNS (Domain Name Server):

Verifica il sito in Google Search Console

Questo processo varia a seconda del provider di hosting e della configurazione. Tuttavia, puoi farlo spesso accedendo a cPanel e navigando su Domini > Editor DNS avanzato .

Da lì, aggiungi un record :

Impostazioni DNS cPanel

Dovrai cambiare il Tipo in “Testo” e incollarci il record di testo fornito quando hai creato la tua proprietà in GSC.

Dopo aver inserito queste informazioni, è possibile tornare a Google Search Console e premere il pulsante Verifica .

Puoi gestire il processo di verifica anche con un plugin come Yoast SEO.

Questo può essere utile se non ti senti a tuo agio ad aggiungere codice al tuo sito o ad accedere al tuo pannello di controllo.

Passaggio 3: visualizza il tuo sito in Google Search Console

Ora, sarai in grado di visualizzare la tua proprietà appena creata in GSC. Ci saranno molte opzioni per la revisione dei dati nella sezione Introduzione :

Pagina di panoramica di Google Search Console

Tieni presente che a volte sono necessarie 24 ore per la risoluzione delle modifiche DNS.

Se non ci sono dati disponibili per la tua nuova proprietà, potresti dover ricontrollare più tardi.

Utilizza i dati strutturati

Un’altra considerazione importante per l’ottimizzazione del tuo sito web è l’utilizzo di dati strutturati .

Google Search Console offre diversi strumenti relativi ai dati strutturati, che possono aiutare Google a comprendere meglio le tue pagine.

Diamo un’occhiata a come utilizzare queste funzionalità.

Passaggio 1: determina quale schema è necessario al tuo sito

Prima di iniziare ad aggiungere dati strutturati al tuo sito, è meglio determinare quale schema si adatta meglio alle tue esigenze.

È possibile utilizzare l’ elenco di vocaboli dello schema più recente per restringere questo aspetto.

Se hai un sito web sulla cucina, potresti concentrarti sullo schema della ricetta , ad esempio:

schema.org

Sopra, puoi vedere che questo schema è nidificato all’interno di altre categorie : Thing > CreativeWork > HowTo > Recipe

Passaggio 2: aggiungi schema manualmente o con un plugin

Una volta che sai quale schema usare, puoi aggiungerlo manualmente al tuo sito web o utilizzando un plugin.

Aggiunta manuale dello schema

Google dispone di uno strumento di supporto per il markup dei dati strutturati che può aiutarti a contrassegnare una pagina web e creare un documento HTML con lo schema appropriato.

Innanzitutto, puoi visitare il sito web dello strumento e selezionare il tipo di contenuto che utilizzerai:

supporto markup dati struttura

Nella schermata successiva, puoi evidenziare qualsiasi parte del testo o delle immagini, al fine di taggare e assegnare uno schema:

aggiunta schema agli elementi in wordpress

Puoi anche aggiungere tag che non sono elencati, usando il pulsante Aggiungi tag mancanti .

Dopo aver taggato i tuoi contenuti, puoi utilizzare il pulsante Crea HTML per produrre testo di markup da utilizzare sul tuo sito web:

Markup dello schema JSON

Puoi copiare e incollare questo codice appena sotto la sezione <HEAD> del file HTML della tua pagina .

Ciò consentirà a Google di creare informazioni più dettagliate nei risultati di ricerca per il tuo sito web.

Utilizzo di un plugin per aggiungere schema

In alternativa, puoi utilizzare un plugin WordPress per aggiungere schema markup al tuo sito web, come Schema e structured data per WP e AMP :

plugin schema e structured data per WordPress

Questo plugin gratuito supporta 33 tipi di dati e ha un’interfaccia molto intuitiva.

Dopo averlo installato e attivato , puoi accedere alle sue funzionalità dalla dashboard di WordPress e aggiungere tutti i tag necessari per creare i rich snippet per i motori di ricerca.

Passaggio 3: verifica la presenza di errori utilizzando lo strumento di test per i dati strutturati

Dopo aver taggato i tuoi contenuti o aggiunto lo schema con un plugin, ti consigliamo di testare i dati strutturati per eventuali errori.

Puoi farlo facilmente con lo strumento di test dei dati strutturati di Google :

Prova i dati strutturati per verificare la presenza di errori con lo strumento di test dei dati strutturati di Google

Basta inserire l’URL della pagina che si desidera controllare o incollare lo snippet di codice creato con il markup helper e selezionare Esegui test .

Ciò evidenzierà ogni schema che devi rivedere o modificare.

Migliora la struttura dei link

Link interni, esterni e di terze parti aiutano Google a comprendere il tuo sito .

Più link di qualità hai, più puoi aumentare il ranking nei risultati di ricerca.

Passaggio 1: scarica un rapporto dei link interni

Il linkinterno aiuta a dare a Google più contesto per i contenuti del tuo sito.

Per eseguire un rapporto sui link interni, vai al menu Link in Google Search Console.

Trova l’elenco dei link interni e fai clic su Altro per visualizzare i link interni separatamente.

Puoi scaricare anche un file CSV o Foglio di Google:

eseguire un rapporto sui collegamenti interni in Google Search Console

Questo ti darà un quadro chiaro delle tua struttura di link interna e dove potresti avere delle opportunità.

Passaggio 2: scarica un rapporto dei collegamenti esterni

Dalla pagina principale dei Links, è possibile visualizzare e scaricare il rapporto sui link esterni tramite il pulsante Esporta Links esterni nella pagina Links :

esporta un rapporto di collegamenti esterni in Google Search Console

La combinazione di queste informazioni può darti un quadro più completo dei fattori che influenzano il rendimento del tuo sito nei risultati di ricerca di Google.

Passaggio 3: applica le modifiche in base ai report

Uno dei modi in cui puoi utilizzare questi rapporti è raggiungere i siti che ti linkano spesso. Quindi, puoi offrire suggerimenti per altri contenuti a cui potrebbero essere interessati al linkarti.

Puoi anche fare clic su uno degli elementi elencati nella pagina Link per ottenere maggiori informazioni.

Dare un’occhiata più da vicino a quale testo viene utilizzato per creare questi link può guidare le tue future scelte di creazione di contenuti.

Indicizza le pagine del tuo sito

Quando Google esplora le pagine del tuo sito web , crea un indice che contribuisce al tuo posizionamento.

Se tale contributo è positivo o negativo dipende dallo stato della pagina e da cosa succede quando Google lo guarda.

Passaggio 1: scarica il report di copertura da Google Search Console

Se accedi al menu Copertura in Google Search Console, vedrai i dati relativi a tutte le pagine che sono state indicizzate da Google:

Rapporto sulla copertura di Google Search Console

Puoi anche fare clic sulla scheda Esclusi per vedere quali pagine non vengono indicizzate e perché:

Dettagli del rapporto sulla copertura di Google Search Console

Se hai un sito in crescita, potresti voler scaricare queste informazioni nella pagina Copertura .

Ciò consente di esaminarlo in modo più dettagliato per individuare possibili miglioramenti.

Passaggio 2: invia tutte le pagine non indicizzate

Dopo aver esaminato i motivi per cui le pagine sono state escluse dall’indicizzazione, è possibile fare clic su una delle categorie di motivi e visualizzare una suddivisione di ciascun URL sottoposto a scansione ma escluso:

Motivi del rapporto di copertura di Google Search Console per i link esclusi

Puoi quindi utilizzare lo Strumento di controllo URL per esaminare ulteriormente ogni problema e selezionare Richiesta di indicizzazione per chiedere a Google di eseguire nuovamente la scansione della tua pagina:

Strumento di controllo URL di Google Search Console

A volte possono essere necessari alcuni minuti per completare questo processo.

Passaggio 3: attendi la conferma

La tua richiesta verrà elaborata, ma l’indicizzazione non avverrà immediatamente.

Devi attendere per ricevere la conferma che la tua richiesta è stata ricevuta:

Notifica di indicizzazione richiesta da Google Search Console

Ricorda che richiedere di nuovo l’indicizzazione, non accelererà il processo.

Indicizza le tue Sitemap XML

Le Sitemap forniscono a Google dati preziosi sulla struttura e sui contenuti del tuo sito web.

Puoi creare sitemap utilizzando strumenti di terze parti e inviarle per l’indicizzazione.

Utilizzando l’opzione di menu Sitemap in Google Search Console, puoi visualizzare informazioni sulle tue sitemap esistenti o crearne una nuova:

Menu di Google Search Console per invio sitemap

Consigliamo di suddividere sitemap di grandi dimensioni in più file da inviare separatamente.

Successivamente dovrai visitare la tua Sitemap online e copiarne l’URL , tornare alla tua pagina Sitemap e incollare l’URL nel modulo di invio:

Invio di sitemap in Google Search Console

Esistono anche altri modi per rendere visibile la tua Sitemap su Google , ma questa è una delle opzioni più efficaci.

Conclusioni

Fare in modo che i risultati di ricerca di Google prendano in seria considerazione il tuo sito web può sembrare difficile ma seguendo alcune best practice puoi indirizzare più traffico organico a modo tuo in pochissimo tempo.