Che cos’è il keyword stuffing? In poche parole, è quanto riempi i tuoi contenuti di un numero eccessivo di parole chiave con l’obiettivo di posizionarli più in alto su Google.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è fondamentale se vuoi che il tuo sito web sia visibile online. Molti proprietari di siti aspirano a raggiungere i migliori risultati di Google e il keyword stuffing potrebbe sembrare una comoda scorciatoia. Tuttavia, questa tecnica potrebbe facilmente ritorcersi contro, quindi è saggio conoscerne le potenziali conseguenze.

L’esatta logica dietro l’algoritmo di Google è un mistero. Tuttavia, sappiamo che i motori di ricerca possono rilevare contenuti scritti male e pratiche di spam. Pertanto, è meglio stare sul lato sicuro della SEO e concentrarsi sulla scrittura di contenuti che il tuo pubblico valuterà e apprezzerà rispetto a post pieni di termini di ricerca.

In questo articolo spiegheremo cos’è il keyword stuffing e vedremo come può danneggiare la reputazione del tuo sito. Elencheremo anche alcuni suggerimenti sull’uso corretto delle parole chiave.

Incominciamo.

Che cos’è il keyword stuffing?

Il keyword stuffing è l’uso eccessivo di determinate parole o frasi nei contenuti web, che mira a manipolare il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca. Era una pratica efficace fino a quando Google non ha implementato gli aggiornamenti dell’algoritmo nella speranza di ridurre i contenuti spam e migliorare la qualità complessiva dei suoi risultati.

Che aspetto ha, esattamente? Come regola generale, se leggi il tuo testo ad alta voce e le tue keyword suonano scomode o innaturali, potresti essere passibile di keyword stuffing. Dai un’occhiata a questo esempio fornito da Google:

Vendiamo umidificatori per sigari personalizzati. I nostri umidificatori per sigari personalizzati sono realizzati a mano. Se stai pensando di acquistare un umidificatore per sigari personalizzato, contatta i nostri specialisti di umidificatori per sigari personalizzati su custom.cigar.humidors[at]example.com

Come puoi vedere, la frase ” umidificatore per sigari personalizzati ” appare troppe volte in una quantità così corta di testo, facendola sembrare robotica e spam. Oltre a ciò, Google classifica i seguenti comportamenti come keyword stuffing anche :

  • Elenchi di numeri di telefono senza un sostanziale valore aggiunto
  • Blocchi di testo che elencano le città e stati che una pagina web sta cercando di posizionare

Un’altra pratica dubbia è riempire la tua pagina con parole chiave invisibili. Ad esempio, alcuni utenti potrebbero camuffare determinati termini o frasi utilizzando un carattere bianco su sfondo bianco. Oppure, potrebbero inserire grandi porzioni di contenuto nel codice della pagina. Tuttavia, i motori di ricerca sono abbastanza intelligenti da rilevare il keyword stuffing anche se il testo è nascosto alla vista.

Perché dovresti evitare il keyword stuffing sul tuo blog WordPress

Lo scopo dei motori di ricerca è fornire contenuti che soddisfino le intenzioni di ricerca degli utenti. Pertanto, bombardare il tuo sito web con frasi come “la migliore pizza in città ” potrebbe sembrare una buona idea se vuoi aumentare la visibilità online della tua pizzeria. Tuttavia, ciò potrebbe danneggiare il tuo posizionamento o addirittura comportare la rimozione del tuo sito dai risultati di ricerca.

Si dice che il keyword stuffing sia un trigger di penalità comune. Una sanzione di Google può essere parziale, interessare pagine specifiche o essere applicata all’intero sito. Di conseguenza, i tuoi contenuti potrebbero non essere visualizzati nei risultati dei motori di ricerca.

È importante notare che le linee guida esatte relative al keyword stuffing non sono chiare. Google è attento a limitare le informazioni sul suo algoritmo per incoraggiare i creatori di contenuti a pubblicare post di alta qualità che siano vantaggiosi per gli utenti invece di scrivere per i motori di ricerca.

Tuttavia, un uso eccessivo delle parole chiave può avere un impatto negativo sull’esperienza utente (UX) , che è un noto fattore di ranking. Inoltre, se riempi la tua pagina con termini di ricerca popolari, potresti dover affrontare una frequenza di rimbalzo alle stelle .

Ripetere esattamente le stesse parole o frasi tende a sembrare disordinato o illeggibile, e spinge i visitatori a lasciare il tuo sito. Anche se il tuo sito si posiziona bene inizialmente, una frequenza di rimbalzo elevata potrebbe allertare i motori di ricerca che i tuoi contenuti sono di scarsa qualità.

Suggerimenti rapidi per l’utilizzo corretto delle keyword

Ora che abbiamo parlato del keyword stuffing e delle sue conseguenze, potresti chiederti come utilizzare le parole chiave in modo efficace. Di seguito sono riportate quattro best practice SEO da considerare.

1. Scegli una parola chiave primaria per ogni articolo e pagina

Un buon posizionamento nella tua nicchia significa identificare la tua parola chiave principale e ottimizzare i tuoi contenuti di conseguenza. Se non sei sicuro di quali termini stia cercando il tuo pubblico, puoi utilizzare strumenti come Keyword Planner . Ti mostra il numero medio di ricerche mensili per la frase scelta, indica il livello di difficoltà della classifica e suggerisce alternative:

È intelligente puntare a parole chiave a coda lunga piuttosto che a parole o frasi brevi. Più sei specifico, maggiori sono le possibilità che avrai un posizionamento elevato nella tua nicchia.

Se sei nuovo e hai appena lanciato il tuo sito web, potrebbe essere difficile posizionarlo per parole chiave altamente competitive. Pertanto, spesso è meglio puntare a termini di ricerca meno popolari. Inoltre, evita di scegliere come target la stessa parola o frase per più pagine, poiché i motori di ricerca potrebbero non sapere quale sottoporre a scansione per prima.

Tieni presente che puoi anche aggiungere parole chiave secondarie, sinonimi o frasi a coda lunga correlate. Questi possono aumentare i tuoi sforzi SEO poiché aggiungono contesto alla tua pagina, aiutando i motori di ricerca a capire e indicizzare il tuo sito. Inoltre, il tuo testo apparirà molto più naturale e umano.

I plugin SEO di WordPress come Rank Math possono aiutarti a ottimizzare i tuoi post utilizzando parole chiave quasi illimitate. Tuttavia, tieni presente che di più non significa necessariamente migliore, puoi ottenere risultati eccellenti anche con una sola frase di ricerca target.

2. Usa la tua parola chiave nei posti giusti

Una volta identificata la focus keyword, assicurati di utilizzarla in modo strategico. In genere, è meglio includerla nei seguenti posti:

  • Nel itolo della pagina o del post
  • Almeno in un sottotitolo
  • Meta descrizione
  • Primo paragrafo del corpo del testo
  • Verso la fine della pagina o nella conclusione
  • Almeno in un alt tag delle immagini

Nota che il tuo testo dovrebbe essere di almeno 300 parole. In caso contrario, i motori di ricerca potrebbero non essere in grado di valutare la qualità dei tuoi contenuti. Post troppo brevi potrebbero anche indicare che i tuoi contenuti forniscono meno valore ai potenziali lettori, quindi è consigliabile includere sul tuo blog articoli lunghi.

3. Verifica la densità di keyword appropriata

Come regola generale, la maggior parte degli esperti SEO consiglia che la parola chiave non venga visualizzata in più del 2% del testo. Ad esempio, se il tuo articolo è di 1.000 parole, utilizzare la parola chiave principale meno di 20 volte dovrebbe essere sicuro. Tuttavia, questa linea guida è in gran parte speculativa e Google non rilascia linee guida ufficiali su quale sia la densità di parole chiave ottimale ( danno solo risposte vaghe come questa ).

Potrebbe essere difficile fare i conti mentre scrivi, quindi può essere utile utilizzare un plugin SEO come Yoast SEO . 

Questo strumento calcola il numero ideale di parole chiave in base alla lunghezza del testo e ti farà sapere se hai abusato:

Indicatore di densità delle parole chiave in Yoast.

Yoast SEO ti dirà anche se non hai usato abbastanza la parola o la frase principale. Ad ogni modo, non esiste una soluzione valida per tutti per la densità keyword quindi non ossessionarti troppo su un numero o una percentuale ideale. Accertati invece che la tua parola chiave appaia negli elementi più importanti del tuo sito come descritto sopra.

4. Scrivi per gli esseri umani, non per le macchine

Infine, ricorda che i tuoi contenuti dovrebbero essere interessanti per gli umani, non solo per i motori di ricerca. Sebbene sia una buona pratica seguire gli standard SEO del settore, tieni presente che riempire i tuoi testi di parole chiave non sè il massimo per l’occhio umano.

Una buona UX è un importante fattore di ranking, quindi vale la pena conoscere il copywriting SEO. In sostanza, dovresti usare le tue parole chiave in modo che si fondano naturalmente con il resto del tuo articolo, piuttosto che forzarle nel testo in modi che non hanno senso.

Ricorda che i tuoi visitatori potrebbero lasciare il tuo sito se il tuo testo è difficile da leggere. Pertanto, è meglio mantenere gli utenti coinvolti con contenuti chiari e di valore che rispondano alle loro domande.

Conclusione

Il keyword stuffing potrebbe sembrare una soluzione interessante ai tuoi problemi di SEO. In teoria, può aumentare la visibilità del tuo sito poiché i motori di ricerca serviranno prima le pagine che appaiono più pertinenti ai termini di ricerca degli utenti. Tuttavia, questa pratica potrebbe causare più danni che benefici a lungo termine , quindi è meglio non abusare delle keyword.

In questo articolo, abbiamo parlato di cos’è il keyword stuffing e di come potrebbe influenzare negativamente il tuo sito web. Per ricapitolare, Google può rilevare l’utilizzo anomalo di una particolare parola o frase e ciò potrebbe comportare una sanzione. Oltre a questo, l’utilizzo eccessivo di parole chiave potrebbe ridurre la leggibilità dei contenuti, influire negativamente sull’esperienza utente del tuo sito e aumentare la frequenza di rimbalzo.

Buon lavoro.