Il tuo sito web è in continua evoluzione e tu pubblichi contenuti nuovi e migliori per sostituire i post obsoleti. Tuttavia, può essere difficile evitare errori 404 e mantenere il posizionamento della pagina quando si rimuovono i vecchi contenuti.

È qui che entra in gioco il redirect. Questo processo indirizza i visitatori ai tuoi nuovi contenuti live quando tentano di accedere ai post che hai spostato o eliminato, riducendo gli errori 404. Aiutano anche a trasmettere il tuo vecchio pagerank ai tuoi articoli aggiornati.

In questo articolo discuteremo dell’importanza dei redirect e di come impostarli. Vedremo quindi alcune best practice e suggerimenti per aiutarti a ottenere il massimo.

Iniziamo!

Comprendere l’importanza del redirect

I redirect, se utilizzati correttamente, possono essere molto utili per il tuo sito web. Internet è in continua evoluzione e il contenuto e la struttura del tuo sito a volte devono adattarsi di conseguenza.

Tuttavia, se elimini una pagina o la sposti in un nuovo URL, i visitatori ricecveranno un errore 404 quando proveranno a raggiungerla al vecchio indirizzo:

Anche errori innocui come questo possono far sembrare il tuo sito meno professionale e confondere i visitatori. I link interrotti rendono anche più difficile per gli utenti orientarsi nel tuo sito.

Il redirect di WordPress è simile all’aggiornamento del tuo indirizzo postale con l’ufficio postale. Quando un visitatore digita l’URL di una pagina reindirizzata nel proprio browser, viene inoltrato al nuovo URL della pagina. La stessa cosa accade se fa clic su un link al vecchio indirizzo: verrà semplicemente inviato automaticamente a quello nuovo.

Inoltre, il reindirizzamento può trasferire i vantaggi dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) della tua vecchia pagina ai tuoi nuovi contenuti. Ciò è particolarmente importante per mantenere l’autorità conferita al tuo sito dai backlink .

Esistono tre tipi di reindirizzamento. I redirect 301 sono i più comuni e indicano che la pagina è stata spostata in modo permanente. Un redirect 302 indica ai browser che la pagina è stata trovata in una posizione diversa da quella specificata e viene solitamente utilizzata per redirecr temporanei.

È anche possibile utilizzare un redirect 307 per spostamenti temporanei se si prevede di tornare al vecchio indirizzo in futuro.

Puoi impostare manualmente i reindirizzamenti nel tuo  file .htaccess . Tuttavia, potrebbe essere più semplice utilizzare un plugin di WordPress come Redirections che ti consente di inserire facilmente l’URL della tua vecchia pagina e l’indirizzo di quella nuova.

6 suggerimenti e best practice per i reindirizzamenti di WordPress

L’uso del reindirizzamento di WordPress può sembrare facile all’inizio, ma ci sono diverse cose che potrebbero andare storte. Conoscere alcune best practice può aiutarti a configurarle correttamente. Ecco sei consigli per iniziare con il piede giusto.

1. Usa i redirect 301 (il più delle volte)

Come abbiamo affermato, ci sono alcuni tipi di reindirizzamenti che puoi utilizzare sul tuo sito web. L’implementazione di quello sbagliato può causare problemi alla SEO del tuo sito web. Fortunatamente, è abbastanza facile ricordare quale tipo utilizzare, poiché la risposta è quasi sempre il redirect 301.

I redirect 301 indicano spostamenti di pagina permanenti. Quando i motori di ricerca vedono questi reindirizzamenti, sanno che devono passare il valore SEO della vecchia pagina a quella nuova. Questo può aiutarti a mantenere la tua posizione nei risultati di ricerca.

I motori di ricerca inoltre deidentificheranno l’URL originale indicato da un redirect 301 dopo un certo periodo di tempo. In questo modo, i visitatori vedranno e cliccheranno sula tua nuova pagina invece di essere inoltrati da quella vecchia.

I redirect 302 e 307 invieranno comunque il tuo visitatore alla pagina giusta. Tuttavia, i motori di ricerca percepiranno la situazione come temporanea. Ciò si traduce nel valore SEO che rimane con l’URL originale. Dovrai ottimizzare i tuoi contenuti aggiornati da zero.

Inoltre, la vecchia pagina rimarrà indicizzata. Avere contenuti duplicati indicizzati dai motori di ricerca può farti combpetere per una posizione più alta nelle SERP.

2. Reindirizza alle pagine pertinenti

Lo scopo dei redirect è evitare errori 404 quando si elimina o si sposta un contenuto. Sebbene ciò sia importante, non è utile reindirizzare i visitatori a una pagina irrilevante. Ciò può aumentare la frequenza di rimbalzo e avere un impatto negativo sulla SEO.

Supponiamo ad esempio che tu abbia un e-commerce di accessori per cani. Se smetti di vendere un tipo specifico di guinzaglio senza l’intenzione di venderlo di nuovo in futuro, probabilmente eliminerai la pagina del prodotto dal tuo sito.

Reindirizzare i clienti che cercano di raggiungere il prodotto eliminato a una pagina per le ciotole per cani non è utile. Stanno cercando dei guinzagli, quindi è probabile che lasceranno il tuo sito. Dovresti invece reindirizzarli a una pagina di un guinzaglio diverso a cui potrebbero essere interessati.

Puoi applicare questo concetto a qualsiasi tipo di contenuto.

3. Verifica che i tuoi redirect funzionino

Dopo aver impostato un reindirizzamento, dovresti verificare che funzioni correttamente. Qualcosa di semplice come un errore di battitura nell’URL di destinazione potrebbe causare un errore 404, vanificando in primo luogo lo scopo di creare un reindirizzamento.

Per controllare il tuo reindirizzamento, devi semplicemente inserire il tuo vecchio URL nel tuo browser web. Dovresti atterrare sulla pagina di destinazione corretta. In caso contrario, dovrai tornare al tuo file .htaccess o al plugin che utilizzi per i reindirizzamenti per cercare gli errori.

4. Evita catene di reindirizzamento

Man mano che il tuo sito web cresce, è probabile che tu abbia più redirect. Ciò può portare a catene di redirect, che si verificano quando inoltri gli utenti dall’URL A all’URL B, ma l’URL B reindirizza all’URL C.

Anche se questo potrebbe non sembrare un problema, ogni nuovo reindirizzamento aggiunge una richiesta al tuo server, rallentando la velocità di caricamento della tua pagina. Questo può avere un impatto negativo sulla SEO. Inoltre, i visitatori potrebbero lasciare il tuo sito web se impiega troppo tempo a caricarsi.

Se stai utilizzando un plugin di redirect per WordPress, puoi controllare le catene di redirect semplicemente controllando il tuo elenco di reindirizzamenti.

Cerca il tuo URL di destinazione. Se reindirizza a un’altra pagina, dovresti invece utilizzare la destinazione finale come obiettivo.

5. Mantieni tutti i redirect puliti e ordinati

Le catene di redirect non sono l’unico problema che potresti incontrare con un sito web di grandi dimensioni. Con l’aumentare del numero di reindirizzamenti, possono diventare difficili da navigare. Ciò renderà anche più difficile tenere traccia di eventuali catene di redirect e rimuovere i vecchi reindirizzamenti (ne parleremo a breve).

Utilizzando il plugin Redirection, mantenere i redirect puliti e ordinati è abbastanza facile con alcune operazioni di pulizia di base. Il modo più semplice per gestirli è ordinarli in gruppi:

I gruppi di redirect nel plugin Redirections

Organizzando i tuoi reindirizzamenti, puoi facilmente navigare al gruppo pertinente ogni volta che devi cercare o gestire in altro modo un reindirizzamento specifico.

6. Rimuoi i vecchi redirect 301

I redirect 301 non dovrebbero rimanere sul tuo sito web a tempo indeterminato. Nel tempo, dovresti rimuoverli man mano che i risultati dei motori di ricerca, i link e altri riferimenti all’URL originale vengono aggiornati con il nuovo indirizzo della pagina.

SecondoJohn Mu di Google, dovresti aspettare almeno un anno prima di esaminare ed eventualmente eliminare i tuoi vecchi redirect 301. A questo punto, puoi verificare se il vecchio URL sta ancora ricevendo hit.

Se non c’è traffico verso il vecchio URL, puoi rimuovere il redirect 301. Se invece c’è traffico, devi lasciarlo attivo perchè potresti incontrare problemi di SEO.

Puoi rimuovere facilmente un vecchio redirect 301 utilizzando il plugin Redirections. Tutto quello che devi fare è trovarlo nell’elenco e fare clic su Elimina:

Eliminazione di un reindirizzamento in Redirections.

Se hai aggiunto manualmente i tuoi redirect, dovrai rimuovere il codice pertinente dal tuo file .htaccess . Questo deve essere fatto con cura per essere sicuri di non eliminare quello sbagliato.

Conclusione

I reindirizzamenti hanno un valore inestimabile per essere certi che i tuoi visitatori ottengano il contenuto che vogliono vedere. Se usati correttamente, ti aiutano a presentare contenuti live invece di errori 404, fornendo una migliore esperienza utente (UX) e mantenendo il tuo pagerank.

Per ottenere il massimo dai tuoi redirect, ricorda di:

  1. Utilizzare i redirect 301 per la maggior parte dei casi.
  2. Reindirizzare a pagine pertinenti.
  3. Verificare che i tuoi redirect funzionino.
  4. Evitare le catene di reindirizzamento.
  5. Mantieni tutti i redirect puliti e ordinati.
  6. Rimuovi i vecchi redirect 301.

Buon lavoro.I