Se sei nuovo di Google Analytics, potresti aver notato la metrica frequenza di rimbalzo (o bounce rate) e probabilmente ti starai chiedendo cosa significhi.

Oppure, se hai già una certa familiarità con la frequenza di rimbalzo, potresti essere alla ricerca di modi per ridurla e mantenere i visitatori sul tuo sito web più a lungo.

In questo post, vedremo la frequenza di rimbalzo in modo più dettagliato. Confronteremo la frequenza di rimbalzo e la frequenza di uscita e ti forniremo alcuni metodi per ridurre il bounce rate del tuo sito web.

Iniziamo con alcune informazioni sulla frequenza di rimbalzo in Google Analytics.

Cos’è la frequenza di rimbalzo o bounce rate?

Cosa significa frequenza di rimbalzo? Consultiamo una fonte ufficiale. La definizione di “frequenza di rimbalzo”, secondo Google, è la seguente:

La frequenza di rimbalzo è la percentuale di sessioni di una sola pagina (cioè sessioni in cui la persona ha lasciato il tuo sito dalla pagina di ingresso senza interagire con la pagina).

Rendiamola un pò più semplice. La frequenza di rimbalzo è la percentuale di visitatori che fanno clic sul pulsante Indietro o abbandonano un sito senza visitare pagine diverse da quella a cui sono giunti per la prima volta.

Se una persona “rimbalza” dal tuo sito non significa che non abbia letto nessuno dei tuoi contenuti o non abbia guardato cosa c’era sulla tua pagina. Questa è una delle tante idee sbagliate sulle frequenze di rimbalzo.

Significa che il visitatore ha guardato solo questa pagina del tuo sito e non è andato ad altre. Si chiama “rimbalzo” solo perché probabilmente sono tornati (“rimbalzati”) alle SERP, per vedere altrI risultati o per indirizzare in modo più preciso la loro query.

Se un visitatore arriva al tuo sito tramite i motori di ricerca e visita almeno un’altra pagina prima di fare clic sul pulsante Indietro nel browser, verrà conteggiato in una metrica del tasso di uscita invece della frequenza di rimbalzo (di cui parleremo a breve).

Come posso sapere quali sono le mie frequenze di rimbalzo?

Puoi trovare la frequenza di rimbalzo per il tuo sito web, così come ciascuna delle tue singole pagine, accedendo a Google Analytics ed esaminando le informazioni nelle sezioni Pubblico, Acquisizione e Comportamento.

Il modo migliore per visualizzare informazioni dettagliate sulle frequenze di rimbalzo sul tuo sito web, ad esempio la frequenza di rimbalzo di una pagina specifica, è accedere a Comportamento, Contenuto del sito e Tutte le pagine.

Da questa schermata, puoi cercare o navigare fino alla pagina che desideri esaminare e modificare le date del rapporto per scoprire qual è la frequenza di rimbalzo media della pagina.

In alternativa, puoi anche ordinare il contenuto in base alla frequenza di rimbalzo, ascendente o discendente, per scoprire quali sono le pagine con i bounce rate più alti e più bassi. I risultati potrebbero sorprenderti!

Bounce rate o frequenza di rimbalzo

Frequenza di rimbalzo rispetto alla percentuale di uscita

Se non sei ancora abituato a Google Analytics, potresti chiederti “qual è la differenza tra frequenza di rimbalzo e frequenza di uscita?” Se la frequenza di rimbalzo è la percentuale di persone che hanno premuto il pulsante Indietro e hanno lasciato il tuo sito, la colonna “% uscita” non avrebbe le stesse informazioni?

Non necessariamente! In realtà, c’è una grande differenza tra queste due metriche. Poiché non tutti quelli che accedono a una pagina specifica rimbalzano immediatamente da essa, Google Analytics utilizza la metrica “% uscita” per segnalare chi esce dal tuo intero sito da quella pagina. È un pò confusionario, quindi lo scomporremo in questo modo:

  • Se l’utente A visita la tua home page e se ne va subito, ciò verrà incluso nella percentuale “Frequenza di rimbalzo” per / (la tua home page)
  • Se l’utente B visita un’altra pagina del tuo sito, poi la tua home page e poi lascia il tuo sito, questa verrà inclusa invece nella metrica “% uscita”

In sostanza, il tasso di uscita riporta il numero di persone che abbandonano il tuo sito da una pagina specifica dopo aver esplorato prima altre pagine. Questa metrica potrebbe essere molto alta su alcune pagine e non su altre e potrebbe esserci un forte contrasto tra il tasso di rimbalzo e il tasso di uscita su una singola pagina.

Facciamo riferimento all’esempio seguente:

Esempio di frequenza di rimbalzo del sito web e tasso di uscita

La riga evidenziata in verde mostra una pagina che ha una frequenza di rimbalzo estremamente bassa (inferiore all’1%!) ma un tasso di uscita del 22%. Che tipo di pagina restituirà questi risultati? Un’idea: un “contattaci” o un modulo di lead generation potrebbe avere metriche simili, perché molte persone non troveranno queste pagine dalla ricerca, ma la maggior parte di loro uscirà dal sito dopo aver visualizzato o compilato il modulo.

Potresti scoprire che, confrontando il tasso di uscita e la frequenza di rimbalzo, le due metriche sono molto simili. Oppure potresti scoprire che sono molto diverse. Non esistono due siti uguali e nemmeno due pagine sono uguali.

Per ulteriori letture su questo argomento, Google ha un’eccellente pagina di confronto tra Tasso di uscita e Frequenza di rimbalzo che potresti trovare utile.

Cosa significa quando le mie pagine hanno un bounce rate elevato?

Cosa significa per te la frequenza di rimbalzo quando è alta? Quando una pagina ha (o più pagine hanno) un’elevata frequenza di rimbalzo, significa semplicemente che i visitatori se ne vanno senza visitare altre pagine del sito.

Tuttavia, questa spiegazione superficiale di come viene definita una frequenza di rimbalzo in realtà non spiega tutto. In genere, se una pagina ha un’elevata frequenza di rimbalzo, significa che coloro che la visitano non sono coinvolti in alcun modo, o perché hanno trovato quello che stavano cercando e la loro ricerca è finita (che non è necessariamente un cosa negativa), o perché non hanno trovato quello che volevano e proveranno invece un altro sito.

In definitiva, vorrai che le tue frequenze di rimbalzo siano più basse anziché più alte, perché più a lungo puoi mantenere un utente sul tuo sito, maggiori sono le probabilità che converta e diventi un cliente, acquisti qualcosa o compili un modulo. Ecco perché dovresti essere consapevole di quali sono le tue frequenze di rimbalzo e concentrare i tuoi sforzi sul migliorarle piuttosto che sperare che alla fine migliorino da sole.

Qual’è una buona frequenza di rimbalzo?

Questa è una domanda che ci viene posta molto spesso. “Quale dovrebbe essere un frequenza di rimbalzo ottimale?” La verità è che una frequenza di rimbalzo “ottimale” è diversa per tutti e dipende dal tipo di sito che hai, dal tipo di utenti che lo visita e dal tipo di contenuto che offri.

Siti come Wikipedia, Dictionary.com e webMD ad esempio potrebbero avere frequenze di rimbalzo vicine al 90%. Potrebbe sembrare terribile … ma il modo in cui la maggior parte delle persone utilizza questi tipi di siti web basati sui fatti e sulle informazioni è questo:

  1. Immettere una query nella ricerca di Google
  2. Fare clic e scansionare il risultato per le informazioni desiderate
  3. Uscire (cioè rimbalzo)

Quindi, se Wikipedia trova una pagina che ha una frequenza di rimbalzo del 60%, anziché del 90%, potrebbe essere il segno che una pagina sta facendo un lavoro assolutamente incredibile nel coinvolgere i suoi utenti e indirizzarli ad altri post, perché la norma è qualcosa attorno al 90%.

D’altra parte, un sito di e-commerce con una frequenza di rimbalzo media del 90% probabilmente presenta alcuni seri problemi. Ciò significa che 9 persone su 10 che visitano questo sito web non solo non acquistano nulla, ma non sono nemmeno interessate a comprare nulla, perché se ne vanno non appena vedono una pagina. Una frequenza di rimbalzo ideale per un negozio online è compresa tra il 40% e il 60%.

La definizione di una “buona” frequenza di rimbalzo diventa ancora più complicata se si considera che pagine diverse hanno scopi diversi, livelli di traffico diversi e gruppi di visitatori diversi.

Potresti avere alcune pagine del tuo sito che attirano un pubblico di massa e quindi avrai centinaia di visitatori ogni giorno con una frequenza di rimbalzo dell’80%. Ma d’altra parte, potresti avere alcune pagine che hanno come target parole chiave a coda lunga che attirano meno visitatori, ma mantengono questi utenti più pertinenti sul tuo sito più a lungo, riducendo la frequenza di rimbalzo a intorno al 20%.

Guarda ad esempio le due pagine seguenti. Hanno la stessa metrica del tempo sulla pagina, più o meno, ma la pagina in verde ha una frequenza di rimbalzo molto inferiore rispetto alla pagina in giallo. A prima vista può sembrare negativo, ma se le pagine hanno scopi diversi o attraggono i visitatori in diverse fasi del funnel di vendita, potrebbe essere un insieme ideale di risultati.

Confronto delle frequenze di rimbalzo su due pagine

Una frequenza di rimbalzo ideale dipende davvero dallo scopo del tuo sito web. Desideriamo tutti che il numero sia il più vicino possibile allo 0%, ma in realtà, la media del tuo sito sarà probabilmente sempre intorno al 50% e oltre. Invece di concentrarti sulla tua media, potresti dedicare del tempo alla revisione di frequenze di rimbalzo di pagine specifiche e ridurre quelle che sembrano le più problematiche o rappresentano le maggiori perdite finanziarie per la tua attività.

Come posso ridurre la mia frequenza di rimbalzo?

Naturalmente, questo porta alla domanda su come ridurre effettivamente una frequenza di rimbalzo. Per fortuna è più facile di quanto potresti aspettarti.

Sono diversi i modi per ridurre la frequenza di rimbalzo su pagine specifiche del tuo sito per coinvolgere i visitatori e incoraggiarli a visitare pagine aggiuntive.

Analizza i tuoi contenuti

La prima cosa che dovresti fare è rivedere le tue pagine con le più alte frequenze di rimbalzo dal punto di vista di un visitatore. Quelle pagine rispondono alle domande e mantengono gli impegni? O non soddisfano le aspettative degli utenti?

Supponiamo ad esempio che tu abbia una pagina con una posizione elevata per una domanda come “dove posso trovare fiori freschi nella mia città?” ma invece di elencare i fioristi locali hai un post che parla dell’importanza di decorare con i fiori o di una promozione per un negozio di alimentari che ha una piccola sezione floreale. Non c’è da meravigliarsi se gli utenti rimangono delusi e se ne vanno subito: non hai risposto alla loro domanda.

Considera la possibilità di modificare o addirittura riscrivere contenuti che potrebbero aumentare la frequenza di rimbalzo perchè non soddisfano le esigenze degli utenti. Poiché le frequenze di rimbalzo possono avere un effetto sulla SEO del tuo sito, questa, a lungo termine, è una saggia decisione.

Offri contenuti aggiuntivi o call to action

I visitatori trascorrono molto tempo a leggere i tuoi contenuti, ma continuano a rimbalzare dalle tue pagine? In questo caso, potresti non avere una call to action forte per mantenerli sul tuo sito per più di una singola pagina. Rivedi i tuoi contenuti e cerca modi per aggiungere collegamenti a parti di contenuto correlate, come follow-up o post del blog e articoli correlati.

Inoltre, se c’è qualcosa che desideri che i visitatori facciano dopo aver visitato una pagina del tuo sito, ad esempio compilare un modulo o passare a un’altra pagina, assicurati che sia presente un chiaro invito all’azione. Potrebbe essere necessario rendere i tuoi CTA più grandi e più visibili, o semplicemente aggiungerli in più punti, per essere sicuro di non finire con l’ennesimo rimbalzo.

Riduci il tempo di caricamento

A volte la velocità con cui gli utenti lasciano il tuo sito web non ha nulla a che fare con i tuoi contenuti. Se il caricamento del tuo sito o di pagine specifiche richiede molto tempo, i visitatori potrebbero stancarsi di aspettare e fare clic sul pulsante Indietro prima ancora di leggere una singola parola.

Fai clic su Comportamento, Velocità del sito e infine Suggerimenti sulla velocità in Google Analytics. Questo genererà un rapporto con i dettagli sul tempo necessario per caricare le pagine del tuo sito e suggerimenti utilizzabili per migliorare i tempi di caricamento. Puoi confrontare questi tempi di caricamento con le frequenze di rimbalzo per vedere se emergono degli schemi.

La pagina evidenziata di seguito, ad esempio, ha una frequenza di rimbalzo del 95% e possiamo probabilmente indovinare il motivo: ci vogliono 47 secondi per caricarsi!

Suggerimenti PageSpeed corrispondenti alla frequenza di rimbalzo

Rivedi la navigazione, i popup e le immagini

Infine, dai un’occhiata a tutti gli altri elementi nelle pagine in cui la tua frequenza di rimbalzo è alta. Sono presenti link interrotti o nessun link? C’è un pop-up di grandi dimensioni che l’utente potrebbe trovare abbastanza fastidioso da fargli lasciare il sito? Le tue immagini impiegano molto tempo per caricarsi o addirittura distraggono dal contenuto?

Prova a metterti nella mentalità di chi visita la tua pagina per la prima volta. Qualcosa ti sembra fonte di distrazione, deludente o fuori luogo? C’è qualcosa che puoi fare per risolvere il problema e spostare senza problemi i nuovi visitatori in altre parti del tuo sito web?

Cosa devo fare se non riesco a ridurre le mie frequenze di rimbalzo?

Ecco tre modi comuni in cui le frequenze di rimbalzo vengono abbassate da aziende come la nostra:

  • Analisi professionale del sito web: un’analisi professionale del sito web, o analisi dell’usabilità del sito web , implica una revisione del sito web da parte di una società di progettazione o sviluppo web. L’azienda effettuerà una revisione approfondita del tuo sito e fornirà i propri consigli per modifiche o miglioramenti che possono ridurre la frequenza di rimbalzo e migliorare l’esperienza di coloro che utilizzano o visitano il tuo sito.
  • Riprogettazione del sito web: a volte l’unica soluzione è la revisione completa del sito. Una riprogettazione del sito web sostituirà efficacemente il “look and feel” attuale del sito web. Questo di solito è l’approccio ideale se il tuo sito web è molto vecchio, la tua frequenza di rimbalzo è alta e anche la metrica del tempo sulla pagina è molto bassa (il che significa che gli utenti non sono affatto coinvolti con i tuoi contenuti).