Le DNS Lookup (ricerche DNS) sono un elemento che molti gestori di siti web trascurano. Questo è un errore, perché troppe DNS Lookup possono ridurre la velocità di caricamento delle tue pagine. Le basse velocità di caricamento possono a loro volta portare a frequenze di rimbalzo più elevate e posizionamenti nei motori di ricerca inferiori. 

Fortunatamente, ci sono dei passaggi che puoi adottare per ridurre le DNS Lookup. Esistono anche plugin di WordPress che possono gestire questa attività al posto tuo. Per svolgere il lavoro in modo efficace, tuttavia, devi prima conoscere meglio cosa sono le internet DNS Lookup e il tempo di risposta che stai cercando. 

In questo articolo, vedremo cosa sono le ricerche DNS e quale sia un buon tempo di risposta DNS. Spiegheremo quindi come ridurre le ricerche DNS e prenderemo in considerazione alcuni dei plugin che è possibile utilizzare.

Iniziamo!

Che cos’è una DNS Lookup?

I Domain Name Server (DNS) sono il fondamento di Internet. Funzionano come rubriche telefoniche per siti web, collegandoli ai loro indirizzi IP . A sua volta, una DNS lookup è il processo di ricerca dell’indirizzo IP corretto per un determinato URL del sito web. 

La responsabilità di questa ricerca ricade sul browser web. Quando si accede a un sito web, il browser trova tutte le risorse che richiedono una DNS Lookup. Attende quindi l’elaborazione della ricerca prima di scaricare una di queste risorse. Più ricerche richiede un sito web, più tempo impiega il browser a visualizzare le sue pagine.

DNS Lookup: qual’è un buon tempo di risposta?

Conoscere cosa sono le ricerche DNS può aiutarti a capire perchè è importante ridurle. Ad ogni modo, devi ancora controllare e vedere se al momento stanno causando un problema sul tuo sito web. Per fare ciò, è possibile utilizzare una soluzione di test online come UltraTools .

Per eseguire un test DNS lookup devi semplicemente fornire l’URL del tuo sito web. Quindi fai clic su Go e Ultra Tools testerà il tempo di risposta DNS:

Test di velocità DNS UltraTool

Sebbene lo strumento fornisca diverse informazioni sul tuo sito web, devi comunque conoscere qual è un buon tempo di risposta DNS. Questi strumenti registrano le ricerche in microsecondi. Più basso è il numero, migliore sarà il tempo di risposta.

Secondo YSlow, le DNS Lookup in genere richiedono tra 20 e 120 ms. Se il test colloca il tempo di risposta del tuo sito all’estremità superiore di quella scala, dovresti prendere in considerazione l’idea di ridurre le tue ricerche.

Come posso ridurre le ricerche DNS?

Ridurre le ricerche DNS sul tuo sito web può migliorare la velocità di caricamento e ridurre la frequenza di rimbalzo . Se usi gli strumenti di test della velocità della pagina come GTMetrix, ti forniranno consigli su come iniziare.

Altrimenti, ecco le soluzioni migliori che puoi attuare. 

1. Utilizza un servizio DNS veloce

Il primo passo è ridurre i tempi di risposta per le ricerche DNS. Uno dei modi migliori per farlo è utilizzare un servizio DNS veloce. Molte persone usano i DNS forniti dai loro registrar di domini, come Namecheap o GoDaddy ma queste opzioni DNS gratuite sono spesso troppo lente.

I provider DNS premium hanno generalmente tempi di risposta più rapidi. I grandi fornitori come Cloudflare, ad esempio, dispongono di infrastrutture estese e data center globali. Ciò può ridurre l’impatto che le ricerche DNS hanno sulla velocità del tuo sito web.

2. Riduci il numero di nomi host

Uno dei modi più semplici per ridurre le DNS Lookup è eliminare le richieste per nomi host diversi. Quando esegui un test di velocità del tuo sito come Google PageSpeed ​​Insights , viene fornito un elenco di nomi host e risorse che attivano una ricerca DNS:

Google Pagespeed Insights

È possibile controllare questo elenco per ridurre il numero delle richieste. Le richieste esterne di elementi grafici come i pulsanti delle icone social, ad esempio, richiedono una ricerca DNS. Durante l’audit, quindi, controlla se queste risorse sono essenziali per il tuo sito web. Valuta il beneficio della velocità della ricerca DNS rispetto al vantaggio di conservare la risorsa. 

3. Ospita le risorse di terze parti a livello locale

Se scopri che hai un numero di risorse esterne dopo il controllo dei nomi host, considera di ospitare le risorse localmente. L’hosting locale offre inoltre un maggiore controllo sulla memorizzazione nella cache e sulla consegna di queste risorse ed elimina la fase di ricerca DNS

Per ospitare le risorse, scarica i file di cui hai bisogno ogni volta che sono attualmente memorizzati e caricali sul tuo server web o CDN .

Se hai richieste di script aggiornati frequentemente come librerie di font, diversamente ospitarli localmente potrebbe non essere la soluzione migliore. Poiché queste risorse vengono aggiornate spesso, i loro script vengono lasciati da soli e possono essere prese altre misure per ridurre l’impatto della ricerca DNS

4. Utilizza la memorizzazione nella cache DNS

Un altro metodo per ridurre le DNS Lookup è sfruttare la cache DNS. Ciò impedisce al browser di effettuare una DNS lookup ogni volta che richiede un elemento sul tuo sito web.

La cache DNS funge da archivio con il nome host per un determinato periodo di tempo. Quando un browser richiede l’elemento, la cache fornisce il nome host invece di richiedere una ricerca DNS

La lunghezza della cache DNS è determinata dal Time To Live (TTL). Non tutti i record DNS devono essere memorizzati nella cache per lo stesso periodo di tempo. Alcune linee guida comunemente accettate sono:

  • Record CNAME : 24 ore
  • Record A e AAAA : da cinque minuti a un’ora
  • Record TXT : 12 ore
  • Record MX : 12 ore

Quando si imposta la memorizzazione nella cache DNS , tieni presente che i valori TTL vengono generalmente visualizzati in secondi. Questo dovrà essere preso in considerazione quando definirai i tuoi valori. 

5. Utilizza il prefetching DNS

Il prefetch consente ai browser di eseguire DNS Lookup in background. Quando un utente apre una pagina web, il browser richiederà elementi di prefetch. Viene utilizzato principalmente per i collegamenti all’interno dei tuoi contenuti. 

È facile impostare il prefetching DNS, aggiungendo il seguente codice all’intestazione del file single.php (in Aspetto > Editor temi ):

<!-- DNS Prefetching -->
<link rel="dns-prefetch" href="//asset1.com">
<link rel="dns-prefetch" href="//asset2.com">

Incolla il codice in questo file in alto o in basso e modifica asset1.com e asset2.com nei collegamenti che desideri precaricare. Puoi anche aggiungere tutti gli URL aggiuntivi di cui hai bisogno.

Plugin per ridurre le DNS Lookup su WordPress

Sebbene sia possibile ridurre manualmente le DNS Lookup in WordPress, esistono plugin che possono semplificare il processo. Questi plugin non gestiranno tutti gli aspetti della riduzione delle DNS Lookup ma possono automatizzare determinati passaggi, come l’utilizzo della memorizzazione nella cache del browser e dell’hosting su CDN

1. WP Rocket

la homepage di WP Rocket

WP Rocket offre il precaricamento dei contenuti e il lazy loading delle immagini. Ciò accelera il rendering del tuo sito web e riduce i DNS Lookup

Se vuoi saperne di più su questo plugin di caching per WordPress, puoi leggere la nostra recensione completa di WP Rocket

2. LiteSpeed Cache

LiteSpeed ​​Cache offre la memorizzazione nella cache del browser e una cache CDN gratuita. Puoi anche usarlo per configurare il prefetch DNS se non vuoi aggiungere il codice manualmente. LiteSpeed ​​Cache consente anche la minificazione del codice e la memorizzazione nella cache degli oggetti. È possibile utilizzare il plugin anche per caricare le immagini in lazy loading, al fine di migliorare ulteriormente la velocità di caricamento. 

Conclusione

Ridurre le DNS Lookup è un’azione chiave per migliorare la velocità di caricamento del tuo sito web. Esistono diversi passaggi che è possibile eseguire per ridurre queste ricerche e accelerare i tempi di risposta. È importante sfruttare la cache DNS e il prefetching, ma è anche necessario un servizio DNS veloce

Buon lavoro.