Gestire il proprio sito web può essere complicato, soprattutto quando si devono affrontare problemi tecnici come l’errore 403 forbidden error (acccesso negato). La mancanza di contesto che accompagna questo errore lo rende particolarmente frustrante. Questo vale anche per gli utenti del front-end che potrebbero non essere in grado di accedere a un sito web specifico.

Fortunatamente, hai a disposizione diverse soluzioni per la risoluzione dei problemi dell’errore 403 accesso negato. Applicando metodicamente queste diverse soluzioni, di solito è possibile risolvere rapidamente il problema.

In questo articolo, tratteremo i motivi principali per cui potresti visualizzare un messaggio di errore 403 forbidden error. Quindi ti guideremo attraverso diversi metodi per risolverlo.

Iniziamo!

Che cosa causa il codice di errore HTTP 403 forbidden error?

In poche parole, l’errore 403 forbidden error viene visualizzato quando si tenta di accedere a una pagina o a un file su un sito web a cui non si dispone dell’autorizzazione per accedere. Il server del sito web funziona: c’è solo qualche tipo di problema con i permessi che ti impedisce di vederne il contenuto, motivo per cui il server risponde con il codice di errore HTTP 403 . Potresti anche vedere questo errore visualizzato come HTTP 403, Errore 403 o semplicemente Forbidden.

Questo problema deriva in genere da problemi con i permessi dei file o il file .htaccess del tuo sito. Sui siti WordPress, l’errore potrebbe anche derivare da un problema con un plugin che stai utilizzando.

Sfortunatamente, questo non è sempre un problema che puoi risolvere, anche quando riscontri l’errore sul tuo sito. Tuttavia, ci sono alcune soluzioni facili che puoi provare. In alternativa, puoi contattare il tuo provider di hosting per richiedere assistenza.

Come correggere l’errore HTTP 403 accesso negato (due metodi)

Se stai riscontrando questo errore ora, non farti prendere dal panico. Esaminiamo un paio di metodi che possono aiutarti a risolverlo. Puoi scegliere quello che si adatta alla tua situazione attuale: quello di un utente web o di un proprietario di un sito web.

Metodo 1: correzione dell’errore come visitatore del sito web

Se accedi a un sito web come utente dal front-end, ti consigliamo di iniziare da qui. Tuttavia, potresti anche voler provare i seguenti passaggi anche se sei il proprietario o gestore di un sito, per assicurarti che l’errore non sia da parte tua.

Passaggio 1: parti dalle basi

Inizieremo con alcune nozioni di base. La prima cosa da provare (se non l’hai già fatto) è aggiornare la pagina. A volte un errore 403 accesso negato è causato da un piccolo problema tecnico e la pagina deve semplicemente essere ricaricata.

Se ciò non funziona, la successiva cosa da guardare è l’URL. Assicurati di averlo digitato correttamente. Inoltre, il collegamento dovrebbe probabilmente terminare con ” .com “, ” .org ” o qualcosa di simile. In caso contrario, potresti provare ad accedere a un’area del sito riservata agli amministratori.

In alternativa, potresti aver seguito un link errato. In tal caso, prova ad accedere al sito web da una fonte diversa.

Passaggio 2: cancella i cookie e la cache

I browser web utilizzano i cookie e una cache per conservare le informazioni statiche. Sebbene ciò possa aiutare un sito a funzionare rapidamente , potrebbe anche salvare impostazioni errate che possono causare un errore 403 forbidden. Pertanto, cancellare entrambi questi elementi può essere un primo passo intelligente.

Di seguito ti mostreremo come cancellare la cache in Google Chrome, ma abbiamo anche un intero post su come cancellare la cache del browser di tutti i browser più diffusi .

Se stai utilizzando Google Chrome, puoi iniziare trovando i tre piccoli punti nell’angolo in alto a destra. Seleziona Impostazioni dal menu a discesa. Quindi scorri verso il basso fino alla sezione Privacy e sicurezza e fai clic su Cancella dati di navigazione :

Seleziona le caselle accanto a Cookie e altri dati dei siti , nonché Immagini e file memorizzati nella cache e seleziona Cancella dati . Tieni presente che questo potrebbe disconnetterti dai tuoi account su altri siti web.

Ora prova ad accedere di nuovo alla pagina. Se il ripristino di questi elementi non ha funzionato, un’ultima cosa che puoi provare è controllare se il tuo indirizzo IP è stato bloccato. Se il tuo IP è stato inserito nella blacklist del sito web, dovrai prima risolvere il problema, che generalmente implica contattare il proprietario del sito per chiedere aiuto.

Metodo 2: correzione dell’errore 403 forbidden sul proprio sito

In questa sezione, ci concentreremo sui gestori dei siti. Se visualizzi questo errore sul tuo sito WordPress, per risolverlo puoi provare alcuni dei seguenti passaggi.

Tieni presente che dovrai utilizzare un client FTP (File Transfer Protocol) per accedere al tuo sito. Puoi consultare la nostra guida per principianti all’FTP per ulteriori informazioni.

Passaggio 1: ricerca plugin difettosi

Ci sono molti plugin WordPress di qualità. Tuttavia, non è insolito che un plugin causi problemi sul tuo sito, come l’errore 403 forbidden.

Il modo migliore per affrontare questo problema è attraverso tentativi ed errori. Ciò significa disattivare tutti i tuoi plugin e riattivarli uno per uno finché non trovi il colpevole.

Per iniziare, vai su Plugin > Plugin installati . Fai clic sulla casella di controllo in alto per selezionare tutti i plugin, sceglie Disattiva dal menu a discesa e fai clic su Applica :

Disattivazione dei plugin per correggere l'errore 403 accessi negato

Una volta disattivati ​​tutti i plugin, dovresti essere in grado di accedere alla pagina. Successivamente, puoi riattivare i plugin singolarmente e aggiornare la pagina che genera l’errore 403 forbidden error dopo aver attivato ciascuno di essi. L’aggiunta del plugin difettoso dovrebbe causare il ripetersi dell’errore.

Se l’errore 403 ti impedisce di accedere alla tua area di amministrazione, puoi utilizzare un client FTP per accedere ai tuoi file WordPress. Una volta connesso al tuo sito, apri la cartella principale e vai su wp-content > plugins :

Per disattivare i plugin sul tuo sito, tutto ciò che devi fare è rinominare la cartella dei plugin in qualcosa di diverso, come “plugins_old”. Quindi, prova ad accedere al tuo sito.

Se hai successo, rinomina di nuovo la cartella dei plugin in “plugins”. Quindi aprila e cambia il nome di ogni cartella dei plugin una alla volta, controllando il tuo sito web dopo ogni cambio di nome. Ancora una volta, questo ti aiuterà a identificare il colpevole.. Una volta che sai qual è il plugin difettoso, puoi rimuoverlo o sostituirlo (o contattare lo sviluppatore per assistenza).

Passaggio 2: controlla che il tuo file .htaccess non sia corrotto

Se il tuo provider di hosting utilizza un server web Apache, il tuo file .htaccess potrebbe causare l’errore 403 Forbidden error. Questo file controlla importanti impostazioni di configurazione per il tuo sito WordPress e una piccola modifica sbagliata o un errore può danneggiarlo.

Per risolvere questo problema, dovrai ripristinare il tuo file .htaccess . Prima di procedere, ti consigliamo vivamente di eseguire un backup del tuo sito. Una volta che sei pronto, apri il tuo client FTP preferito. Quindi, individua il tuo file .htaccess ed eliminalo.

Quindi, vai alla dashboard di WordPress e vai su Impostazioni> Permalink :

Accedere alle impostazioni dei permalink per ripristinare il file .htaccess.

Non è necessario apportare modifiche qui. Tutto quello che devi fare è scorrere verso il basso e fare clic su Salva modifiche. Questo genererà automaticamente un nuovo file .htaccess per il tuo sito.

Se questo stava causando l’errore 403 Accesso negato, ora dovrebbe essere risolto. Se stai ancora riscontrando il problema, continua con il passaggio finale.

Passaggio 3: imposta i permessi file corretti

Un 403 forbidden error è spesso correlato ai permessi dei file. WordPress viene fornito con una serie di autorizzazioni predefinite che non dovrebbero causare problemi al proprietario del sito. Tuttavia, a volte queste impostazioni possono essere modificate inavvertitamente.

Fortunatamente, questo è relativamente facile da risolvere. Apri la directory dei tuoi file utilizzando il tuo client FTP e trova la cartella principale che contiene il tuo sito WordPress. Dovrebbe contenere wp-admin , wp-content e wp-includes . Fai clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella principale e accedi a Attributi file :

Compila il campo del valore numerico con 755. Quindi seleziona la casella denominata Includi sottocartelle seleziona Applica solo alle cartelle. Infine, fai clic sul pulsante OK . Questo applicherà automaticamente i permessi corretti.

Successivamente, dovrai ripetere il processo. Tuttavia, questa volta inserirai 644 nel campo numerico e selezionerai Applica solo ai file. Fai clic su OK quando sei pronto.

Ora torna alla directory del tuo sito e trova il tuo file wp-config.php. Fai clic con il tasto destro su di esso e selezionare Attributi file :

Immetti 644 nel campo numerico e fare clic sul pulsante OK . La modifica di tutti questi file dovrebbe risolvere l’errore 403 accesso negato se è stato causato da problemi con i permessi dei file di WordPress.

Conclusione

Ci sono una quantità infinita di errori che un sito web WordPress può incontrare. Cercare di risolverli può essere frustrante, soprattutto se impediscono l’accesso al sito web come fa l’errore 403 Forbidden. Fortunatamente, puoi applicare un approccio sistematico per affrontare quasi tutte le possibili cause di questo problema.

In questo articolo, abbiamo trattato due metodi principali per risolvere un errore 403 accesso negato:

  1. Affrontarlo da utente sul front-end aggiornando la pagina e svuotando la cache
  2. Affrontarlo da proprietario del sito sul back-end utilizzando un client FTP per disattivare i plugin, ripristinare il file .htaccess e regolare i permessi dei file

Se vuoi migliorare le tue capacità di risoluzione dei problemi di WordPress, abbiamo anche molte altre guide sulla correzione degli errori comuni di WordPress.

Buon lavoro!