Extensive Markup Language (XML) è ovunque. È utilizzato per server, sicurezza web, aggiornamenti e altro. Quando si tratta di WordPress, non riceve molta attenzione quanto i linguaggi più popolari come PHP. Tuttavia, sapere cos’è XML e come funziona può essere molto utile per qualsiasi gestore o sviluppatore di siti web.

In questo articolo, parleremo delle basi del formato XML e vedremo alcuni dei suoi usi più comuni. Quindi esploreremo alcuni dei modi in cui è possibile utilizzare XML in WordPress.

Iniziamo!

Che cos’è XML (e dove viene utilizzato)

XML è ciò che viene chiamato un “linguaggio di markup” . Ciò significa che è un linguaggio basato sui tag utilizzati per aggiungere informazioni agli elementi all’interno dei file. Una distinzione chiave dei linguaggi di markup (al contrario dei linguaggi di programmazione, ad esempio), è che sono progettati per essere facili da leggere sia dalle macchine che dagli umani.

Ecco un esempio di un semplice snippet XML, per darti un’idea di come appare :

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<note>
<to>John Doe</to>
<from>Jane Doe</from>
<heading>Reminder</heading>
<body>Remember to buy more milk!</body>
</note>

Se salvi questo snippet come .xml e provi ad aprire il file con un browser, noterai che lo riconosce come codice. Tuttavia, non è possibile utilizzare solo i tag desiderati: esistono schemi approvati per XML che è necessario utilizzare. Se si includono tag errati, il browser non sarà in grado di comprendere i risultati e visualizzarli correttamente.

I linguaggi di markup, nel loro insieme, sono molto più versatili di quanto si possa immaginare. Un altro esempio di questo tipo di linguaggio è HTML . È lo scheletro dell’intera rete, ma rimane comunque facile da capire, anche se non si ha un background di programmazione.

Per quanto riguarda lo stesso formato XML, ha diversi usi. Viene spesso utilizzato ad esempio per archiviare, trasmettere e visualizzare dati.

Inoltre, viene utilizzato nello sviluppo web per archiviare informazioni in testo semplice, il che semplifica l’importazione e l’esportazione di tali dati. Nelle prossime sezioni, ti mostreremo alcune di queste applicazioni in azione.

Come utilizzare XML per creare Sitemap

Come saprai, i motori di ricerca utilizzano i “crawler” per visitare il tuo sito web, determinare quali pagine web contiene e quindi indicizzarle . Quindi, il motore di ricerca utilizza tutte queste informazioni per generare elenchi di risultati pertinenti:

Una ricerca su Google su XML

Il problema è che a volte i crawler mancano di contenuto. Possono indicizzare anche le pagine web preferisci che i motori di ricerca non vedano o “rilevare” contenuti duplicati dove non ce ne sono.

Il modo migliore per evitare questi problemi è creare una sitemap, che è un elenco di tutte le pagine che compongono il tuo sito e informazioni su come sono collegati. Ecco come potrebbe apparire una semplice Sitemap:

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">
<url>
<loc>http://www.example.com/</loc>
<lastmod>2019-01-01</lastmod>
<changefreq>monthly</changefreq>
</url>
</urlset>

Naturalmente, una vera sitemap includerebbe un tag <url> per ogni pagina che i motori di ricerca devono indicizzare. Puoi anche includere informazioni aggiuntive, ad esempio l’ultima volta che ogni pagina è stata modificata, la frequenza con cui il motore di ricerca dovrebbe controllarla per gli aggiornamenti e altro ancora.

Tieni presente che puoi anche creare sitemap HTML. In effetti, è meglio usare sia HTML che XML. Sebbene sia possibile farlo a mano, il modo di gran lunga più semplice per creare una Sitemap se stai usando WordPress è utilizzare un plugin dedicato .

3 modi in cui puoi utilizzare i file XML in WordPress

Le Sitemap sono importanti, ma non sono l’unico caso d’uso per questo particolare linguaggio. Come accennato in precedenza, il formato XML è ampiamente utilizzato per archiviare e trasferire informazioni. Diamo un’occhiata a tre modi in cui puoi utilizzare questa funzionalità in WordPress.

1. Importazione ed esportazione dei dati di un plugin in formato XML

Anche il sito web WordPress più semplice include più dati di quanto tu possa immaginare. In molti casi, ogni plugin che hai installato memorizzerà anche il proprio set di dati, che a volte puoi importare ed esportare come file Extensive Markup Language.

Un esempio è WooCommerce . Molte estensioni di WooCommerce ti consentono di esportare l’elenco dei prodotti, inclusi tutti i dati associati, in un semplice file in formato XML

Ciò può tornare utile per i tuoi record o se desideri importare gli stessi prodotti in un altro sito web. Anche molti altri plugin lo fanno, anche se alcuni si affidano invece al formato CSV per l’importazione e l’esportazione dei dati.

2. Importazione dei dati demo del tema

Installare un nuovo tema WordPress non è cosa da poco. Qualunque tema tu scelga influenzerà in modo significativo lo stile e la funzionalità del tuo sito web. Ciò significa che prima di accontentarti di un tema, dovrai dare un’occhiata a come influenzerà il tuo sito specifico, piuttosto che esplorare semplicemente i siti demo creati dai suoi sviluppatori.

Teoricamente, puoi testare il tuo nuovo tema su un sito web live e ripristinare quello vecchio se non ti piacciono le modifiche apportate. Tuttavia, questo non è un approccio particolarmente sicuro. Un metodo migliore consiste nell’utilizzare un sito locale o di “staging” , installare il tema che desideri verificare e importare dati fittizi per vederlo in azione.

WordPress.org , ad esempio, ha un file in formato XML che contiene dati di test di un sito web completo. Per usarlo, tutto ciò che devi fare è scaricare il file, andare sulla dashboard di WordPress e selezionare l’ opzione Strumenti> Importa> WordPress :

Importazione di un file XML in WordPress

In pratica, funziona esattamente come importare i contenuti di un altro sito web WordPress nel tuo. Al termine del processo, puoi aprire il tuo sito web e vedere come appare il tuo tema con il nuovo contenuto. L’operazione non dovrebbe richiedere più di qualche minuto e ti darà un’idea migliore se usare il tema in questione o meno.

3. Migrazione dei contenuti di WordPress

Ultimo ma non meno importante, cosa succede se si desidera trasferire i dati da un sito web WordPress a un altro? Per fare ciò, dovresti andare alla scheda Strumenti> Esporta e scegliere quale contenuto vuoi esportare, tra post, pagine, contenuti multimediali e così via:

Esportazione di contenuti WordPress

WordPress genererà un file XML e lo scaricherà sul tuo computer. È quindi possibile ripetere lo stesso processo della sezione precedente, andando alla scheda Strumenti> Importa del secondo sito web e caricando il file XML.

Ricorda: questo processo importerà i tuoi contenuti WordPress, ma non influenzerà i plugin o i temi che stai utilizzando. Per trasferire anche quelli, dovrai eseguire una migrazione completa.

E ‘interessante notare che è possibile utilizzare un processo simile per migrare i contenuti da WordPress.com a WordPress.org . Ecco quanto può essere versatile Extensive Markup Language.

Conclusione

Lo scopo di un linguaggio di markup è quello di includere informazioni in modo che sia facile da capire sia per le persone che per i computer. Esistono molti linguaggi che ricoprono questo ruolo, ma XML è innegabilmente il re del markup.

Solo per darti un’idea di quanto possa essere versatile e cosa XML consente di fare, ricapitoliamo alcuni dei modi in cui puoi utilizzarlo su WordPress:

  1. Creazione di sitemap.
  2. Importazione ed esportazione dei dati del plugin.
  3. Caricamento dei dati demo di un tema.
  4. Migrazione dei contenuti di WordPress.

Buon lavoro!