SEO per Bing (e Yahoo): una breve guida

Pubblicato in data 5 Ottobre 2019 Categoria Seo

seo bing e yahoo

Quando parliamo di SEO, non parliamo molto di Bing mentre passiamo molto tempo a preoccuparci di Google e ci assicuriamo di ottimizzare i nostri siti web per i suoi algoritmi. (Ai fini di questo articolo, Bing si riferisce anche a Yahoo in quanto anche Yahoo è alimentato da Bing, quindi funziona in modo molto simile)

In Creativemotions, tendiamo a concentrare i nostri sforzi su Google anziché su Bing per 2 motivi:

  • – Google domina il panorama dei motori di ricerca con l’88% della quota di mercato globale, il che significa che la maggior parte del traffico dei nostri clienti proviene da Google.
  • – Google è il più avanzato di tutti i motori di ricerca, il che significa che generalmente se sei ottimizzato bene per Google, probabilmente sei ottimizzato anche per Bing.

Quindi questo significa che dovremmo ignorare del tutto la SEO per Bing?

In gran parte questo dipende dalla tua situazione, ma dobbiamo anche essere consapevoli del fatto che Google e Bing utilizzano criteri di posizionamento diversi che potrebbero fare la differenza.

 

Devo ottimizzare per Bing (e Yahoo)?

È necessario ottimizzare per Bing se:

  • – Il tuo sito opera negli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, Bing (e Yahoo) detengono una quota di mercato del al 36%, il che significa che oltre un terzo di tutti i visitatori che arrivano al tuo sito provengono da Bing o Yahoo. Bing ha una presenza significativa anche in paesi come Canada, Regno Unito, Taiwan, Hong Kong, Francia e Norvegia
  • – Se ricevi quantità significative di traffico da Bing e Yahoo (basta controllare su Google Analytics in “Tutto il traffico”, quindi “Sorgente/Mezzo”).
  • – Il tuo pubblico di destinazione tende ad essere più “vecchio”. Gli utenti più anziani tendono a utilizzare Bing più degli utenti giovani.

Se il tuo sito soddisfa uno di questi criteri, probabilmente dovrai pensare almeno un po’ a Bing ed ottimizzare il tuo sito per questo motore di ricerca.

 

Come ottimizzare per Bing (e Yahoo)

Di seguito, elenchiamo i principali punti in cui Bing e Google differiscono per personalizzare la propria strategia SEO ed ottimizzare per Bing.

  1. Social media – Google non utilizza i segnali dei social media nelle proprie classifiche mentre Bing si, il che significa che una forte strategia sui social media può aiutare a migliorare i tuoi posizionamenti su Bing.
  2. Contenuti non testuali – Bing sembra essere meglio attrezzato per comprendere contenuti non testuali come immagini, video, audio e persino flash, aumentando le probabilità di premiare tali contenuti se di alta qualità. Consigliamo però cautela perchè sebbene Bing possa comprendere meglio i contenuti multimediali, la creazione di contenuti di questo tipo potrebbe danneggiare i posizionamenti su Google, pertanto si consiglia un approccio misurato ai media.
  3. Local – nella ricerca locale, Bing pone maggiormente l’accento sulla prossimità, mentre Google pone maggiormente l’accento al brand. Pertanto, le piccole imprese hanno maggiori probabilità di ottenere visibilità nella ricerca locale di Bing rispetto a Google. Ciò rende una strategia focalizzata su Bing potenzialmente più importante per i marchi più piccoli con una presenza locale; rivendicare e aggiornare il profilo dei tuoi luoghi Bing è un buon punto di partenza.
  4. Keywords – Bing premia maggiormente le keywords a corrispondenza esatta rispetto a Google, che è più bravo a determinare il sentimento dietro l’uso delle keywords. Ciò significa che se si desidera migliorare i posizionamenti in Bing, è necessario assicurarsi che i metadati, il contenuto della pagina e le meta keywords utilizzino parole chiave precise, pertinenti e ad alto volume di ricerca.
  5. Meta Keywords – Google non utilizza il tag meta keywords da anni, mentre Bing lo utilizza ancora quindi vale la pena aggiornarlo con parole chiave pertinenti se il traffico proveniente da Bing è significativo.
  6. Tag Canonical – Bing trova più difficile determinare la versione canonica di una pagina rispetto a Google, rendendo più importante l’uso dei tag canonical.
  7. Links – Bing pone maggiormente l’accento sui collegamenti da domini altamente affidabili, specialmente se tali domini hanno estensioni .gov, .edu o .org. Ricevere link da questi tipi di siti ti darà un vantaggio maggiore su Bing.
  8. Crawling – Bing tende a eseguire la scansione delle pagine meno frequentemente e tende a concentrarsi su un insieme di pagine più piccolo e importante, il che significa che l’invio di pagine agli strumenti per il Webmaster di Bing può essere una strategia importante per ottenere nuovi contenuti indicizzati e posizionarli più rapidamente.