Se c’è un’area in cui WordPress è un pò carente, è l’analisi . Per avere accesso a tali informazioni fondamentali sul tuo sito web, dovrai integrare il Content Management System (CMS) con un servizio di terze parti come Hotjar .

In questo articolo, parleremo di come funziona Hotjar e spiegheremo come integrarlo con WordPress. Quindi vedremo un confronto con altri strumenti di mappe di calore compatibili con WordPress.

Mettiamoci subito al lavoro!

Introduzione a Hotjar

Hotjar è una piattaforma di analisi focalizzata sulle mappe di calore. Il servizio consente di tenere traccia del comportamento degli utenti sul sito web e di generare diversi tipi di mappe di calore per visualizzare i risultati.

Con Hotjar, puoi accedere diversi tipi di heatmap. La piattaforma tiene traccia delle sessioni desktop e mobile, in modo da poter individuare le differenze di comportamento tra entrambi i gruppi di utenti.

Se vuoi approfondire la comprensione del comportamento dei visitatori sul tuo sito web, Hotjar registra anche sessioni complete. Ciò significa che puoi seguire gli utenti per tutto il loro viaggio e vedere esattamente cosa fanno in ogni fase. Oltre alle mappe di calore e alla registrazione, ti consente di analizzare l’uso dei form nelle tue pagine e di condurre sondaggi.

Come puoi immaginare, Hotjar non è un servizio gratuito. Per usarlo, è necessario registrarsi per un piano e collegarlo con WordPress tramite un plugin . Inoltre, per accedere alle tue mappe di calore e registrazioni, dovrai farlo dalla piattaforma.

Caratteristiche principali:

  • Analizza il comportamento dell’utente utilizzando tre tipi di mappe di calore, click , move e scroll
  • Tieni traccia dei dati per sessioni desktop e mobile
  • Registra sessioni utente complete e riproducile quando necessario
  • Analizza l’utilizzo dei form sulle tue pagine
  • Conduci sondaggi e questionari per i tuoi visitatori

Prezzo: Hotjar offre un piano gratuito per uso personale, che supporta fino a 300 registrazioni di visitatori e tre diverse mappe di calore. I piani a pagamento partono da € 29 al mese e puoi scalarli all’occorrenza.

Come utilizzare Hotjar su WordPress (in 3 passaggi)

Come avrai visto, Hotjar offre diverse funzionalità. In questa sezione, tuttavia, ci concentreremo sulla funzione di mappe di calore di calore. Vediamo come impostare e utilizzare questa preziosa piattaforma di analisi.

Passaggio 1: registra un account Hotjar e installa il plugin per WordPress

Prima di fare qualsiasi altra cosa, devi registrare un account. Fortunatamente, Hotjar non richiede una carta di credito per iscriversi al piano free, quindi puoi provarlo senza impegno:

Creazione di un nuovo account Hotjar

Il processo di iscrizione è semplice. Tutto quello che devi fare è selezionare ciò per cui utilizzerai il servizio, quindi digitare l’URL del sito web a cui desideri connettere l’ account:

Configurazione del servizio per funzionare con il tuo sito web

Una volta fatto, avrai accesso alla tua dashboard di Hotjar. La prima cosa che vedrai è uno snippet di codice di monitoraggio che dovrai aggiungere al tuo sito web per agganciarlo alla piattaforma:

L'ID Hotjar per il tuo sito WordPress

Se stai utilizzando WordPress, hai accesso a un plugin che può farti risparmiare l’inserimento del codice a mano. Perché il plugin funzioni, è necessario il tuo site ID Hotjar, che puoi visualizzare nell’angolo in basso a destra della stessa schermata.

Passaggio 2: ottieni il tuo ID Hotjar e aggiungilo a WordPress

A questo punto, ti consigliamo di copiare il tuo site ID o mantenere aperta la scheda Hotjar. Quindi vai alla dashboard di WordPress, installa e attiva il plugin ufficiale.

Una volta che il plugin è attivo, vai alla scheda Impostazioni> Hotjar e inserisci il tuo ID nel campo corrispondente:

Inserire l'ID del sito Hotjar su WordPress tramite il plugin Hotjar

Salva le modifiche e sei a posto. Ora puoi tornare a Hotjar e ottenere l’accesso alle mappe di calore per le tue pagine del sito. Tieni presente che hai appena impostato il servizio, quindi è necessario un po’ di tempo e di dati utente prima di poter generare eventuali report.

Passaggio 3: accedi alle mappe di calore del tuo sito web

Ora che Hotjar ha accesso al tuo sito web, ti consigliamo di tornare alla dashboard del servizio. All’interno, passa alla scheda Mappe di calore e premi il pulsante Nuova mappa di calore :

Impostazione di una nuova mappa di calore

Hotjar ti chiederà di impostare un nome per la tua mappa di calore e selezionare il numero di visualizzazioni di pagina che dovrebbe tracciare. Nel piano gratuito, sei limitato a 1.000 visitatori. Questo è più che sufficiente per fornirti informazioni utili:

Configurazione di quante visualizzazioni di pagina devono essere tracciate dalla mappa di calore

Andando avanti, è possibile selezionare le pagine del sito che Hotjar deve monitorare. Ricorda che con il livello gratuito sei limitato a tre pagine :

Configurazione delle pagine per cui generare mappe di calore

Infine, puoi rivedere le impostazioni della tua mappa di calore e confermare le tue scelte. Successivamente, dovrai solo aspettare un pò per consentire a Hotjar di raccogliere dati sufficienti per ottenere risultati.

Puoi accedere alle tue mappe di calore in qualsiasi momento dalla scheda Mappe di calore . Una volta che avrai avuto abbastanza visite, ne troverai abbastanza da analizzare. Ecco ad esempio una mappa di calore che registra i movimenti del mouse da una pagina di prova che abbiamo impostato:

Un esempio di una mappa di calore dei click

Si noti che il servizio consente di passare tra i tipi di mappe di calore con un solo clic. 

Un esempio di una mappa di calore di scorrimento

Quello che fai con i dati che ottieni da queste mappe di calore dipende da te. Abbiamo parlato di come analizzare le mappe di calore in passato e, per quanto riguarda gli strumenti, questo è straordinariamente semplice da usare. Una volta che inizia a raccogliere dati, tutto ciò che devi fare è monitorarli e decidere quali modifiche (se presenti) vuoi apportare al tuo sito in base ai risultati.

Quando utilizzare Hotjar rispetto ad altri strumenti di Heatmap

Il problema con gli strumenti di mappatura termica è che tendono ad essere costosi o difficili da integrare con WordPress. Per fortuna Hotjar non rientra in nessuna di queste categorie. Sebbene il livello gratuito offra funzionalità limitate, i rapporti che fornisce sono abbastanza dettagliati da consentirti di agire in base ad essi. Inoltre, il servizio ha un’interfaccia elegante che è anche molto facile da navigare.

Se stai già utilizzando uno strumento di analisi, come Google Analytics , sarai felice di sapere che funziona bene con Hotjar. Purtroppo, Google Analytics non offre un’opzione semplice per la generazione di mappe di calore. Tuttavia, la combinazione di entrambi i servizi ti dà accesso a una vasta gamma di informazioni sul comportamento degli utenti senza andare in conflitto tra loro.

Per quanto riguarda la compatibilità con WordPress, Hotjar è un’ottima scelta per la maggior parte degli utenti. Se vuoi evitare di utilizzare una piattaforma di terze parti, tuttavia, faresti meglio ad esaminare alternative come il plugin Aurora Heatmap .

Conclusione

Esistono molti servizi e strumenti di analisi che puoi integrare con WordPress. In quasi tutti i casi, sono basati su piattaforme di terze parti per potenziare le loro funzionalità, quindi vuoi essere sicuro di scegliere lo strumento giusto per le tue esigenze.

Hotjar ha un punteggio elevato quando si tratta di facilità d’uso e il suo piano gratuito è abbastanza potente per la maggior parte dei siti web di piccole e medie dimensioni. Inoltre, ti consente di generare più tipi di mappe di calore e passare da una all’altra in pochi secondi, il che lo rende una scelta eccellente per molti utenti WordPress.