Cookies in WordPress : guida per principianti

Pubblicato in data 6 Agosto 2019 Categoria Consigli WordPress

cookies WordPress

Probabilmente avrai notato che molti dei siti web che visiti “ricordano” cose su di te. Le informazioni che memorizzano possono essere qualsiasi cosa, dalle credenziali di accesso agli elementi che hai consultato, articoli che ti sono piaciuti e altro ancora. Per fare ciò, i siti web utilizzano quelli che vengono chiamati “cookies”. I cookies consentono ai siti di archiviare informazioni chiave in modo sicuro all’interno dei browser dei visitatori. In questo modo, possono fornire un’esperienza più personalizzata senza mettere a rischio i dati degli utenti.

In questo articolo, analizzeremo il funzionamento dei cookies ed in particolare il modo in cui WordPress li utilizza. Quindi vedremo come impostare cookies WordPress personalizzati.

 

Cosa sono i Cookies WordPress?

In poche parole, i cookies sono file che il tuo sito memorizza nei browser dei visitatori e che contengono informazioni su di essi. Ecco alcuni esempi comuni di utilizzo dei cookies nel web:

  • – Archiviazione delle credenziali di accesso in modo che gli utenti non debbano reinserirle ogni volta che visitano il tuo sito
    – Ricordare pagine specifiche che i visitatori hanno visitato di recente (ad esempio, “Prodotti recenti” sui siti di e-commerce)
    – Ricordare il comportamento specifico dell’utente, ad esempio l’ultima volta che ha visitato il tuo sito

I cookies sono ovunque sul web, nella misura in cui esiste persino una legislazione specifica che disciplina il modo in cui è possibile utilizzarli in alcune parti del mondo.
Nel complesso, la navigazione web sarebbe un’esperienza più lenta e meno personale senza cookies. I siti web non sarebbero in grado di “ricordare” nessuna delle informazioni che ti semplificano la vita. Ecco perché WordPress è impostato per utilizzare i cookies immediatamente.

 

Come utilizza i Cookies WordPress

Per impostazione predefinita, WordPress genera due tipi di cookies a meno che tu non gli dica di fare diversamente :

  1. Cookies di sessione Questi sono quelli che dicono al tuo browser: “Ehi, abbiamo appena effettuato l’accesso a questo sito qualche tempo fa, quindi non chiudiamo ancora la sessione”. Ciò ti evita di dover accedere più volte agli stessi siti.
  2. Cookies di commenti. Ogni volta che commenti su un sito web WordPress, salverà alcuni dei tuoi dettagli in modo da non doverli reinserire in seguito. Ciò può includere nome utente, indirizzo e-mail e altro.

È importante ribadire che i cookies risiedono nel browser di ciascun utente. Ciò significa che sono al sicuro anche se qualcuno viola la sicurezza del sito web, motivo per cui vengono spesso utilizzati per gestire informazioni riservate.

 

Come utilizzano i Cookies i plugin di WordPress

Come puoi immaginare, anche i plugin di WordPress e altri strumenti di terze parti fanno ampio uso dei cookies. Ad esempio, se si usa un plugin per i related poste, probabilmente utilizzerà i cookies per memorizzare informazioni sulle pagine visualizzate dagli utenti.

Allo stesso modo, i plugin di anlytics utilizzano i cookies per memorizzare i dati sul comportamento degli utenti. Nella maggior parte dei casi, questi cookies sono innocui.

 

Come impostare i Cookies in WordPress (2 step)

Dovrai utilizzare PHP per creare e configurare i cookies in WordPress. La posizione in cui aggiungi il codice necessario dipende dal fatto se desideri utilizzare il tema o un plugin personalizzato. Diamo un’occhiata a come funziona il primo metodo.

Step 1: apri il file functions.php del tuo tema

Nella maggior parte dei casi, l’approccio del tema è il percorso più semplice da seguire. Per impostare un nuovo cookie, ti consigliamo di modificare il file functions.php del tuo tema attivo.

Per prima cosa, accedi al tuo sito web tramite FTP e vai alla directory public_html/wp-content/themes. All’interno troverai le singole cartelle per ogni tema installato sul tuo sito web:

cartelle temi

Apri la cartella del tuo tema attivo e cerca il file functions.php. Per aggiungere un cookie personalizzato, devi includere un codice aggiuntivo in questo file. Prima però è necessario comprendere quali parametri è possibile utilizzare:

  • – Il nome del cookie
  • – Il suo valore
  • – Quanto tempo fino alla scadenza (non può durare per sempre!)
  • – Su quali pagine agirà il cookie
  • – Il tuo dominio e / o sottodomini
  • – Se deve essere trasferito su HTTP o HTTPS

Utilizzeremo la maggior parte di questi parametri nella sezione successiva, quindi non preoccuparti se non capisci ancora esattamente cosa fa ciascuno di essi.

Step 2: aggiungi il codice del tuo nuovo Cookie

Una volta aperto il file functions.php, sarai in grado di aggiungere un codice personalizzato. Ecco un esempio del codice per aggiungere un nuovo cookie:

function cookies_timestamp() {  
$visit_time = date('F j, Y  g:i a');  
if(!isset($_COOKIE[$visit_time])) {
setcookie('visit_time', $current_time, time()+86400); 
}
}

Il codice include tre dei parametri che abbiamo esposto nell’ultima sezione. C’è il nome del cookie (cookies_timestamp), il suo valore (visit_time) e il tempo necessario affinché scada.

Questo particolare cookie genera un timestamp dell’ultima volta che qualcuno ha visitato il tuo sito. È quindi possibile utilizzare il cookie per visualizzare un messaggio del tipo: “La tua ultima visita è stata il 25 gennaio 2019”. Questo consente agli utenti di sapere se qualcun altro ha avuto accesso al proprio account.

Per quanto riguarda il tempo di scadenza, noterai che utilizza i secondi. Impostiamo il valore per un giorno, che è piuttosto breve per gli standard dei cookies. Il resto dei parametri non ha molta importanza, perché le opzioni predefinite funzionano abbastanza bene in quasi tutti i casi.

Quando hai finito di configurare il tuo cookie, salva le modifiche in functions.php e chiudilo, il tuo cookie inizierà a funzionare sin da subito.

Come ottenere un Cookie e utilizzarlo in WordPress

Nell’ultima sezione, abbiamo parlato di come è possibile utilizzare i cookies nello sviluppo web per ottenere dati specifici specifici dell’utente. Esiste una funzione WordPress specifica che puoi utilizzare per “ottenere” i cookies, per così dire.

Per usarlo, dovrai modificare nuovamente il file functions.php del tuo tema. Ecco un breve esempio:

function get_cookie() { 
$visit_time = date('F j, Y g:i a');
if(isset($_COOKIE['visit_time'])) {
function placeholder() {
}
}
}

In breve, questo crea una seconda funzione che controlla se c’è il cookie visit_time che abbiamo creato durante l’ultima sezione. In tal caso, il codice eseguirà una seconda funzione (il valore del segnaposto), che abbiamo lasciato in bianco a vostro vantaggio.

 

Eliminazione di un Cookie in WordPress

La creazione di un cookie è abbastanza semplice se sai quali parametri utilizzare. Inoltre, i cookies scadono con il tempo (a seconda dei valori impostati) ma se si verifica una situazione in cui si desidera modificare un cookie che non è più necessario, è possibile eliminarlo.

Per eliminare un cookie, devi utilizzare il seguente codice, che si inserisce nuovamente nel file functions.php del tuo tema:

unset($_COOKIE['visit_time']);

Come sempre, ricorda che nel nostro esempio utilizziamo un segnaposto. Ti consigliamo di modificare quel codice in base al nome del cookie specifico. Una volta “disinserito” il cookie, sei libero di sostituirlo con una nuova versione o di lasciarlo così com’è.