Come disabilitare i plugin da pagine specifiche in WordPress

Pubblicato in data 5 Agosto 2019 Categoria Consigli WordPress

plugins organizer WordPress
Ogni plugin che usi richiede una certa potenza di elaborazione, quindi l’utilizzo di troppi plugin potrebbe causare il caricamento lento del tuo sito. Questo è un problema, perché la velocità è fondamentale per mantenere un sito web di successo poichè quasi la metà degli utenti abbandonerà una pagina che impiega più di tre secondi per caricarsi.

Fortunatamente, c’è un modo per ridurre i tempi di caricamento della pagina senza sacrificare il numero di plugin che utilizzi. Puoi disabilitare l’esecuzione dei plugin su determinate pagine, in modo che vengano caricati solo quando necessario. In questo modo, puoi sfruttare i vantaggi dell’utilizzo di potenti plugin WordPress per aumentare la funzionalità del tuo sito, ottimizzando al contempo la velocità delle pagine.

Questo post ti mostrerà come utilizzare Plugin Organizer per disabilitare i plugin per pagine specifiche. Iniziamo!

 

WordPress Plugin Organizer

Come accennato, è possibile disabilitare il caricamento dei plugin su determinate pagine utilizzando Plugin Organizer:

plugin organizer per wordpress

Questo è un plugin gratuito e open source dotato di una vasta gamma di funzionalità che ti consente di:

    • – Attivare o disattivare i plugin per determinati URL
      – Attivare o disattivare plugin per ruoli utente specifici
      – Abilitare plugin solo su determinati tipi di post
      – Modificare la gerarchia di caricamento dei plugin
      – Caricare i plugin solo quando sono necessari

È consigliabile rimuovere completamente dal tuo sito tutti i plugin che non stai utilizzando ma se alcuni plugin sono necessari solo per attività specifiche, è possibile utilizzare Plugin Organizer per assicurarsi che vengano caricati solo quando necessario. Ad esempio, se si utilizza un plugin di affiliazione, è possibile scegliere di abilitarlo solo per i membri che hanno effettuato l’accesso con un ruolo utente affiliato.

 

Come utilizzare Plugin Organizer per gestire i plugin attivi

La cosa migliore di Plugin Organizer è che è facile da configurare e iniziare a utilizzare. Vediamo come funziona il processo, dall’inizio alla fine.

Step 1: Esegui il backup del sito

Plugin Organizer è un potente strumento, che può cambiare il modo in cui i plugin interagiscono con il tuo sito web. Ciò potrebbe potenzialmente “rompere” parti del tuo sito se non stai attento. Pertanto, ti consigliamo di eseguire un backup completo prima di utilizzare questo plugin.

Step 2: Scarica Plugin Organizer

Una volta eseguito il backup, sei pronto per installare Plugin Organizer. Puoi farlo tramite WordPress visitando Plugin> Aggiungi nuovo nella dashboard di amministrazione, cercando il plugin e selezionando Installa ora:

installare plugin wordpress

Al termine, premi Attiva e il plugin sarà pronto per l’uso.

Step 3: Configura le impostazioni di Plugin Organizer

Dopo aver impostato il plugin, vai su Plugin Organizer> Settings, si aprirà il menu delle impostazioni, dove sarai in grado di configurare alcune opzioni chiave :

configurazione plugin organizer

Ti consigliamo di esaminare le opzioni in General Settings e configurarle per soddisfare le tue esigenze specifiche. Esaminiamo ciò che ciascuna di queste opzioni fa:

Fuzzy URL Matchingy. Quando questa impostazione è attiva, i plugin verranno caricati nelle child page del tuo sito.
Ignore URL Protocol. Si consiglia di disattivare questa funzione. Indica al plugin di ignorare il redirect HTTP / HTTPS se ne hai uno.
Ignore URL Arguments. Indica al plugin di ignorare gli URL con parametri, che fa riferimento a tutto ciò che in un URL segue un punto interrogativo. Dovresti tenerlo spento a meno che tu non abbia un motivo specifico per accenderlo.
Only allow network admins to change plugin load order? Se si utilizza una rete WordPress multisite, questa impostazione richiederebbe un account amministratore di rete per modificare l’ordine di caricamento del plugin. Si consiglia di mantenere questa impostazione attiva solo se si utilizza multisite.
Custom Post Type Support. Se hai dei custom post type, aggiungili qui per abilitare il Plugin Organizer su quelle pagine.
Auto Trailing Slash. Questa opzione rimuove la barra finale dei plugin e li formatta in base alle impostazioni permalink del tuo sito WordPress.
Selective Plugin Loading. Questa impostazione ti consente di caricare alcuni plugin solo su determinate pagine, anche se sono disattivati ​​nelle impostazioni del plugin. Spiegheremo come farlo in un passaggio successivo.
Selective Mobile Plugin Loading. Allo stesso modo, questa opzione ti consentirà di disabilitare alcuni plugin solo sui dispositivi mobili.
Selective Admin Plugin Loading. Questa opzione ti consente di caricare alcuni plugin solo nella dashboard di amministrazione del tuo sito.
Disable Plugins By Role. Consente di disabilitare i plugin per determinati ruoli utente. È possibile selezionare i ruoli utente interessati nella casella Role support.

Quando hai finito di modificare queste impostazioni, non dimenticare di salvare . Quindi, puoi passare allo step successivo.

Step 4: Crea un Must-Use (MU plugin)

Successivamente, dovrai verificare e vedere se il plugin Must-Use (MU) Plugin Organizer è stato installato correttamente. Il plugin dovrebbe aver creato questo file per impostazione predefinita al momento dell’installazione, ma in alcuni casi non riesce a farlo.

Puoi visitare Plugin> Plugin installati per vedere se il processo di installazione ha aggiunto correttamente un plugin MU:

must use mu-plugin wordpress

In tal caso, dovresti avere una nuova scheda di plugin denominata Must-Use, che include un elemento chiamato Plugin Organizer MU. In caso contrario, dovrai aggiungerne uno tu stesso. Dovrai accedere al tuo sito utilizzando un client FTP (File Transfer Protocol) come Filezilla, scaricare il file PluginOrganizerMU.class.php da /wp-content/plugins/plugin_organizer/lib, e caricarlo su /wp-content/mu-plugins/.

Step 5: Configura le impostazioni globali del plugin

Successivamente, puoi accedere al menù Plugin Organizer> Global plugins per scegliere i tuoi “Global Plugins” che sono i plugin attivati ​​sul tuo sito, ma disabilitati dal caricamento da parte dell’utente finale:

configurazione globale plugin organizer

Ad esempio, se si utilizza un plugin di backup come UpdraftPlus, potrebbe non essere necessario caricarlo per i visitatori. Trascina tutti i plugin che desideri disabilitare per impostazione predefinita nella colonna Disabled standard – All users e salva le modifiche.

Step 6: Disabilita i plugin per i custom post types

Per scegliere quali plugin verranno disabilitati solo per specifici custom post type, è possibile accedere a Plugin Organizer> Post Type Plugin:

custom post type configurazione

Puoi selezionare il tipo di post che desideri modificare dal menu a discesa. Quindi trascina i plugin che desideri disabilitare per quel tipo di post nella colonna a destra. È possibile scegliere di disabilitare un determinato plugin per utenti connessi, utenti disconnessi o entrambi.

Step 7: Modifica l’ordine di caricamento dei plugin

Infine, puoi personalizzare l’ordine di caricamento dei tuoi plugin visitando Plugin Organizer> Group and Order Plugins:

cambia l'ordine di caricamento

Questa pagina ti consente di controllare in quale ordine vengono caricati i tuoi plugin. WordPress normalmente carica i plugin in ordine alfabetico, ma non è necessariamente il metodo ottimale.

Idealmente, i plugin dovrebbero essere caricati in base alla loro gerarchia. Ad esempio, se si dispone di un’estensione WooCommerce, dovrebbe caricarsi dopo il plugin principale WooCommerce, poiché per poter funzionare dovrà fare riferimento ai file WooCommerce.

Puoi anche raggruppare i plugin, in modo che vengano caricati contemporaneamente. Per fare ciò, seleziona prima Create new group dal menu a discesa nella parte superiore della pagina e inserisci un nome per il tuo gruppo.

Potresti ad esempio voler raggruppare un plugin e le sue estensioni. Seleziona tutti i plugin che desideri aggiungere al gruppo e premi Submit. Quindi, puoi continuare a personalizzare l’ordine di caricamento dei plugin secondo necessità.

 

Migliora la velocità del tuo sito con plugins organizer

Ogni plugin aggiuntivo che usi può rallentare il tuo sito WordPress. Tuttavia, la gestione accurata dei plugin può aiutare il tuo sito a funzionare più velocemente, senza sacrificarne le funzionalità.